fbpx
A+ R A-

Il sito internet non si finisce alla consegna

Cosa significa consegnare un sito internet? non parliamo di un prodotto ma di un servizio ed è ora che sia le agenzie che i singoli web master lo considerino tale, ma anche il cliente.

siti web

 

Non è un prodotto ma è un servizio e non potrà mai essere un lavoro del tutto finito ma quando si inizia un sito internet con una web agency seria si inizia un percorso che non finisce alla consegna del sito internet ma anzi, inizia proprio da li.

Antiquato ancora in Italia il mondo di considerare il sito internet, quando un cliente decide di aprire un sito internet o di creare un negozio on line deve compendere che sta attivando un servizio e anche le agenzie o i singoli web master devono capire che non stanno vendendo un paio di scarpe e devono assolutamente offrire al cliente la giusta assistenza durante l'anno.

Se la pubblicità è un altra cosa dal sito (anche se collegata ad esso) ed è giusto pagare ogni singola pubblicità all'agenzia che se ne occupa è anche vero che invece la manutenzione e le piccole modifiche sul sito, il suo aggiornamento devono essere garantiti insieme al costo di svikuppo iniziale.

Personalmente credo che la soluzione migliore per una web agency e per il cliente sia quella di raggiungere la totale autonomia nei prodotti e nei contenuti da parte del cliente mentre l'agenzia deve impegnarsi a risolvere celermente qualsiasi problema per poi concentrarsi sul rendere sempre più facili e accessibili i sistemi che permettono al cliente di gestire autonomamente il sito internet.

Spesso mi è capitato di imbattermi in clienti che erano abituati a considerare il sito internet un prodotto, non avevano nessuna concezione di un rapporto di continuità nel tempo e pensavano per esempio che la consegna del sito dovesse avvenire quando loro decidevano che il sito era perfetto.

La cosa è ovviamente sbagliata e impossibile da realizzare, senza contare il fatto che non è il cliente che decide quando un sito internet è pronto o meno dato che non ne ha le competenze, mentre ha tutto il diritto di decidere quando i contenuti dello stesso sono sufficienti o no.

Ma il motivo di questa cattiva abitudine è anche il modo di gestire i lavori che purtroppo molti piccoli web master e aziende del settore web hanno usato in questi anni, i siti venivano consegnati (e vengono tutt'ora consegnati) senza alcun rapporto di continuità facendo pagare al cliente anche la più piccola modifica post consegna.

Non sempre è facile mantenere un rapporto continuativo con il cliente in questo settore soprattutto quando si tratta di piccoli imprenditori che non hanno nessuno in azienda a cui delegare il rapporto con la propria agenzia pubblicitaria ed è proprio per questo, per venire incontro anche a queste esigenze che Galatea Web ha inventato le scrivania virtuali. 

Insomma, il sito internet va visto come un servizio e non come un prodotto, non mi stancherò mai di ripetertelo. Un servizio che deve garantire nel tempo lo sviluppo del sito stesso attraverso un percorso che si svela e si rende sempre più chiaro solamente nel tempo.

Post facebook multilingua, un occasione per il nostro sito internet

La tendenza è quella di superare i confini nazionali e le barriere linguistiche, sponsorizzare il nostro sito internet su facebook con i post multilingua.

facebooklingue

 

Diventa sempre più facile pubblicizzare i nostri prodotti e servizi a livello internazionale su piattaforme come facebook dove si sta mettendo a punto uno strumento per migliorare in tempo reale la traduzione dei post in qualsiasi lingua.

Questo significa potere velocemente diventare comprensibili anche ad utenti Russi, Spagnoli, Cinesi, senza dover ogni volta tradurre i nostri conenuti soprattutto quando si tratta di offerte che cambiano velocemente nel tempo.

Se si considera di possedere già un sito internet multilingua solido dove i principali contenuti della nostra azienda sono già stati tradotti e spostare sui social network il lancio di campagne e messaggi di facile traduzione potremmo riuscire ad organizzare una efficace campagna pubblicitaria internazionale senza affrontare i costi delle traduzioni.

Ma non si tratta solo di questo, la possibilità di " curiosare " nei profili dei nostri follower da tutto il mondo torna utile per sondare gusti, necessità e voglie di altri mercati.

Ribadiamo infatti il concetto più volte espresso in questo blog di cercare sempre di comprendere a pieno mercati diversi dal nostro con particolare attenzione ai mercati non occidentali come quello Giapponese o Russo in cui le dinamiche di acquisto sono leggermente diverse dalle nostre.

Nei prossimi articoli approfondiremo l'aspetto globale della pubblicità e andremo ad analizzare come la maggior parte delle piattaforme si sta adeguando per andare incontro a queste esigenze sempre nell'ottica di comprendere meglio come sviluppare il nostro sito internet.

 

Un contenuto pubblicitario adattato per ogni supporto

Lanciare un messaggio e una grafica per poi adattarli a tutti i formati, dalle inserzioni Facebook agli annunci Google, ai banner sui portali. Ecco come fare con Galatea Web.

Grafica e Stampa Banner Pubblicitari

 

Un azienda ha la necessità di lanciare periodicamente dei messaggi muniti di grafica che possono rappresentare una nuova offerta, una nuova filosofia aziendale, una diversa configurazione di prodotti eccetera. E' importante creare prima di tutto il contenuto testuale, ovvero il messaggio e poi una grafica correlata che possa rafforzare lo stesso messaggio. 

Spesso si ha la necessità di fare in modo che questa integrazione tra messaggio e grafica sia utilizzata su vari supporti, ad esempio sul cartaceo, su facebook, sul proprio sito internet, su google, su youtube, su twittier e su altri social network.

Diventa allora importante fare in modo che messaggio utilizzato, grafica, siano poi adattati a tutti questi supporti in quanto cambiano sia le dimensioni che il tipo di supporto e vanno fatte le dovute modifiche. La stessa grafica e lo stesso messaggio che utilizziamo ad esempio su un manifesto pubblicitario cartaceo possono essere utilizzate su Facebook ma le dimensioni e la quantità di testo che possiamo inserire variano e non sono le stesse.

A tale scopo Galatea Web offre un servizio di ideazione dei contenuti testuali e grafici come sorgente iniziale ed il successivo adattamento a tutti i supporto possibili (o che necessitano all'azienda) in modo da avere un contenuto pubblicitario dinamico utilizzabile dappertutto. 

In questo modo l'azienda può lanciare lo stesso messaggio in modo professionale dappertutto unendo alla portata del messaggio stesso che incontra un pubblico maggiore se utilizzato in tutti i supporti ad una maggiore efficacia in quanto grafica e testo saranno adattati e resi idonei al supporto in cui vengono utilizzati.

 

diventare ricco vendendo on line? è possibile

I milionari grazie alla vendita on line sono aumentati del 19% in Italia nel 2016, sfruttano piattaforme come e bay e la pubblicità sui social network e tutti hanno come base e punto di partenza il sito internet professionale.

paperondepaperoni

 

Sono aumentati del 19% arrivando a quasi più di un centinaio nel 2016 i milionari Italiani divenuti tali grazie alla vendita on line.

Questo dato fornitoci dall' Ansa pare confermarci quello che abbiamo sempre sostenuto sulla percentuale di persone che riescono nella vendita on line, non solo sappiamo che è possibile riuscire dal nulla a lanciare una vendita on line anche importante ma addirittura abbiamo in Italia quelli che pare siano riusciti a diventare milionari proprio grazie all' e commerce.

Ma chi è che in Italia è diventato milionario grazie alla vendita on line? cosa caratterizza queste persone? quali qualità hanno? 

Sono persone che hanno investito nel loro progetto on line senza paure ne timore, credendoci moltissimo. Hanno aperto il loro negozio on line e hanno usato tutte le piattaforme disponibili per pubblicizzarlo e per vendere ( da e bay ai social network).

Hanno creato il loro sito internet e poi lo hanno sviluppato sfruttando ogni canale, hanno seguito i consigli presenti nei numerosi articoli di questo blog (volontariamente o meno), insomma, sono stati perspicaci.

Non si sono improvvisati web desidegner fissandosi sui dettagli tecnici del loro sito internet ma si sono concentrati sul proprio business aumentando il rapporto qualità prezzo, comprando e vendendo, si sono scoperti novelli imprenditori e commercianti con quello spirito tutto Italiano che ci fa essere cos competitivi nel mondo. 

E sfruttando le infinite potenzialità di internet c'è l'hanno fatta, hanno fatturato più di 1 milione di euro nel 2016. 

Non tratteremo in questo articolo gli aspetti tecnici ovvero come riuscir a creare un sito internet di vendita on line di successo perchè basta scorrere gli articoli di questo blog per avere consigli più specifici ma ci premeva con questo dato ufficiale ricordare quanto sia veramente possibile aprire su internet canali di vendita reali e concreti con fatturati molto importanti capaci di eguagliare e superare di gran lunga il fatturato tradizionale della nostra azienda.

Bisogna solamente affidarsi ad un agenzia competente ed investire in modo importante nel web orientando la nostra attività in modo energico alla vendita on line.

 

 

oltre il pubblicizzarsi c'è il raccontarsi

Un azienda può raccontare una storia infinitamente più interessante della pubblicità ed è la storia della sua passione e delle vicende che l'hanno portata a competere nel mercato.

story

Noi qui a Galatea Web facciamo siti internet che spesso vengono associati nell'immaginario comune ad una forma di pubblicità ed in parte è vero. Ma io personalmente ho sempre odiato il termine pubblicità preferendo a questo il termine raccontarsi, la pubblicità è un retaggio del passato ed oggi la tecnologia offre tutti i mezzi necessari per far vivere ai nostri potenziali clienti un viaggio dentro la nostra azienda, alla scoperta della storia e delle vicissitudini che ci hanno portato ad esistere sul mercato. 

Raccontarsi è un forma di pubblicità nettamente migliore delle reclame, dei banner, del " venghino signori venghino " a cui tutti siamo ormai tristemente abituati. 

E' bello raccontarsi ed avere qualcosa da raccontare, alla gente interessa il prodotto ma cos'altro può fornire ricchezza al prodotto se non anche la simpatia e l'innamorarsi del marchio che lo produce?

Ecco il punto fondamentale, voi dovete fare innamorare le persone della vostra azienda, non dovete fare pubblicità, dovete fare in modo che tizio scelga il prodotto x da voi anche se volendo potrebbe sceglierlo da qualsiasi altra parte.

Noi rimaniamo nell'ambito della visibilità ovviamente, il prodotto dev'essere sempre buono e di ottima qualità, ma la piccola differenza vincente è sempre il rapporto umano ed è quello a cui dovete mirare con i vostri potenziali clienti. 

Ogni persona ha bisogno di sentirsi speciale ed affezionarsi per questo ogni cliente va trattato in maniera speciale, ecco allora che un negozio on line che si rispetti deve necessariamente emergere dalla miarba di slogan promozionali che lo circondano e deve andare dritto al cuore dell'acquirente.

Questo lo si fa con i messaggi giusti, con i contenuti che non mi stancherò mai di ripetere in questo blog, sono la miglior cosa che potete fare per costruire un marchio degno di fiducia.

Quindi, non pubblicizzatevi, raccontatevi.

 

Il negozio on line funziona meglio se il marchio è amato

Oltre al prodotto o al servizio in se e al prezzo un altro grandissimo fattore di persuasione utile alla vendita è il gradi di simpatia e " amore " che l' utente prova per il nostro marchio, ma come si fa a coinvolgere emotivamente l'utente? 

 affetto

Innamorarsi di un marchio, rimanergli fedele per sempre, non scegliere mai la concorrenza nonostante a volte questa possa presentare un offerta migliore, una miglior prezzo, addirittura un prodotto simile e tutto questo perchè a quella particolare azienda, al suo modo di comunicare, al suo logo, al suo nome, ci siamo affezionati.

l'Essere umano è così, se da una parte ha bisogno di sempre nuovi stimoli ancora maggiormente ha bisogno di certezze e di abitudini, quanti di voi utilizzano da una vita un marchio specifico senza ormai sapere in fondo neanche il perchè? solamente perchè ci siete affezionati? 

Dietro queste aziende c'è stato un lavoro fatto di passione e dedizione che negli anni ha costruito un immagine specifica, particolare, unica, ma soprattutto umana.

A cosa ci affezioniamo? ad un colore, ad una frase, ad un certo modo di fare, ad una chicca nella gestione del cliente o dell'ordine, come quando vai all' Ikea e quei piccoli particolari sempre uguali, quelle cose che ti fanno sentire importante, quel sorriso sempre stampato in faccia, alla fine ti fanno veramente affezionare a quel logo. 

E pensare che il fondatore di questa grazie azienda cominciò proprio così, spedendo ai suoi concittadini nella piccola città in cui viveva il proprio catalogo, stampato alla meno peggio, ma sempre con quel certo qualcosa in più, mai cambiato negli anni e ancora esistente ma spedito in tutto il mondo, sicuramente migliorato, ma ecco come si costruiscono le abitudini, nel tempo, investendo in una comunicazione sempre uguale eppure sempre diversa, fin quando il cliente percepisce l'azienda quasi come un amico, un amica, da seguire sempre e da non tradire mai.

 Quando si parla di pubblicità, di comunicazione, dovremmo non dimenticare che si tratta in fondo dell'identità della vostra azienda e quanto è importante l'identità di qualcosa quando si deve avere a che fare con degli esseri umani? Rispondetevi da soli. 

 

Reinventando il concetto di Sito Internet

Sono finiti i tempi in cu il sito Internet era un manifesto pubblicitario da usare on line per farsi un pò di pubblicità. Oggi il sito è un applicazione al servizio prima di tutto dei nostri clienti gia attivi.

applicazione siti web

Galatea Web è stata tra le prime aziende Italiane a comprendere come ormai il sito internet sia cambiato diventando una cosa diversa dal mezzo pubblicitario che è stato fino ad oggi. 

Non c'è bisogno di pensare alle applicazioni per telefonini quando ormai oggi lo stesso sito internet può essere concepito come un applicazione che si apre e funziona in modo diverso in base a che lo si utilizzi da PC, Tablet o Telefonino. Ma, è sempre lo stesso,, i contenuti sono sempre quelli, cambia solo l'utilizzo e la concezione in verticale, l'adattabilità al supporto, ma il sito è ormai un applicazione e va fatta come un applicazione.

Ma questo vale anche dal punto di vista del concetto con cui lo si concepisce e del suo scopo, nel senso che il sito non è più una pubblicità o almeno lo è solamente in minima parte, ma diventa uno strumento che serve per gestire i propri clienti e dare loro un servizio. E questa è tra l'altro la migliore pubblicità, ovvero la migliore gestione.

Pensiamo a una palestra che ha un sito internet pensato come sopra, non più sito che che propone di iscriversi con le sue 4 paginette " chi siamo ", " dove siamo", " contattaci", ma supporto che offre agli iscritti della palestra già numerosi vantaggi.

La possibilitò di accedere al proprio account per controllare quando scade l'abbonamento ed in caso pagarlo ad esempio.

Ti servono integratori? guanti? materiale sportivo? puoi vederlo nel sito, ordinarlo, pagarlo e ritirarlo in palestra la prossima volta che ci andrai.

Puoi verificare gli orari della settimana ed eventualmente modificare i tuoi, oppure richiedere all'istruttore una dieta personalizzata o la modifica di alcune serie di esercizi. 

Le possibilità sono infinite, in questo modo chi gestisce un attività come la palestra o come qualsiasi altra cosa delega al sito la maggior parte della gestione delle persone automatizzando e migliorando il rocesso di gestione aziendale. Risparmiando risorse e tempo, e soprattutto massimizzando i risultati attivando una vendita anche interna.

Allo stesso tempo, una parte del sito internet rimane promozionale e dedicata ai nuovi clienti che vogliono consocere meglio l'attività ed eventualmente iscriversi, acquistare, eccetera.

Insomma, un sito internet può essere molto di più che un banale supporto pubblicitario e possiamo veramente creare qualcosa che spinga la nostra attività ben al di la del nostro tradizionale modo di lavorare ottenendo allo stesso tempo benefici conreti.

Luca Conti - Galatea Web

i soldi spesi in pubblicità non sono una spesa

Troppo spesso si percepisce nel cliente la convinzione che la pubblicità sia una spesa da ridurre e da tenere sotto controllo, ma non è così, solo chi spende in pubblicità emerge dall'anonimato.

pubblicit 638x425

 

La spesa pubblicitaria per un impresa non va intesa come una spesa ma come un investimento, questa percezione della pubblicità un pò all'Italiana rende purtroppo la crescita delle piccole e medie imprese completamente inadeguata rispetto alle loro reali possibilità.

E' proprio quando le cose vanno male che è arrivato il momento di investire per risollevarsi e la pubblicità è l'unico modo per un impresa di realizzare gli obbiettivi che le consentiranno di crescere.

Non viviamo più in un mercato in cui è possibile esclusivamente sopravvivere purtroppo è necessario pensare continuamente alla crescita ed al modo di tenere testa ai propri competitor. 

Cosa fa l'imprenditore che risparmia nella sua pubblicità? danneggia la sua azienda e non le consente di crescere. Non importano le dimensioni dell'azienda se non si è capaci di rischiare e crescere molto semplicemente non si crescerà.

E' inutile pubblicare un sito internet se non si è disposti a pubblicizzarlo, perchè non bisogna considerare la spesa pubblicitaria come una spesa ma come un modo per guadagnare ed acquisire nuovi clienti. 

Questo semplice concetto è ancora purtroppo diffuso poco e male in Italia dove secondo recenti statistiche il 90% delle piccole e medie imprese investe in pubblicità annualmente neanche l'1% del budget a disposizione. 

Ma come si può pensare di lanciare i propri prodotti ed il proprio marchio se non si è disposti nemmeno a dare un minimo contributo alla propria crescita? 

E' tempo che anche il piccolo imprenditore riconsideri la pubblicità con speciale attenzione al web se vuole realmente raggiungere dei risultati, il budget che si mette a disposizione annualmente alla propria agenzia a chi si occupa della nostra immagine è fondamentale e non ci può essere alcuna negoziazione sul fatto concreto e tangibile che bisogna investire almeno il 20% delle proprie entrate in pubblicità.

Il mercato di oggi non lo si conquista più con il passa parola, sono finiti i tempi  in cui si poteva stare tranquilli con la propria nicchia di mercato a prescindere da qualsiasi investimento pubblicitario, l'azienda che oggi non investe in pubblicità è un aziend destinata a fallire. 

Tutte le video guide per modificare da soli il proprio Galatea Power e come usare la scrivania

In questo breve e semplice articolo parleremo di come avere un controllo totale del proprio Galatea Power seguendo 3 semplici regole più qualche utile consiglio.

Gestione Contenuti 1

 

Avere il totale controllo del proprio sito internet è la chiave principale del successo sul web a prescindere dal tipo di servizio o di agenzia di cui siete clienti.

Galatea Web offre nel proprio galatea power una combinazione di metodi di intervento che se usati come indicato sono veramente efficaci e sono un ottima combinazione tra possibilitò di modifica autonoma e possibilità di chiedere interventi tramite scrivania virtuale.

Attenzione perchè le richieste fatte telefonicamente non hanno priorità su quelle delle scrivanie virtuali, questo significa che se pensate che chiamando per chiedere lo spostamento ad esempio di un menù o l'inserimento di una " scritta " farete prima sappiate che l'operatore Galatea Web andrà semplicemente a scrivere nella vostra scrivania quello che gli state chiedendo con la differenza che probabilmente non lo farà subito e quindi la vostra richiesta sarà evasa dopo chi ha correttamente usato la scrivania.

Al di la di tutto questo Galatea Web offre sia la possibilità di modificare i contenuti del sito che i prodotti offrendo a tal proposito due video guide presenti che vli linkamo sotto:

 

E' inoltre possibile inserire delle varianti ai prodotti con una video guida che si aggiunge a quella sui prodotti rendendola più completa che vi posto sotto e serve per aggiungere ad esempio diversi colori o misure dello stesso prodotto o qualsiasi altra variante.

 

Attraverso le videoguide indicate sopra abbiamo la possibilità di modificare praticamente tutto nel nostro sito internet. Qualsiasi altro tipo di modifica che non è possibile fare autonomamente può essere fatta tramite richiesta specifica ad un operatore all'interno della vostra scrivania virtuale, e sotto vi postiamo il video che spiega come usare la propria scrivania virtuale.

 

 

parole chiave nei titoli delle pagine per il posizionamento

Uno dei parametri più importanti per il posizionamento del nostro sito nei motori di ricerca sono i titoli delle pagine che appaiono nella parte superiore dei browser, da quello google capisce di che stiamo parlando. 

googleseo7

 

I titoli delle pagine sono molto importanti per il posozionamento del sito internet perchè è da questi che il motore di ricerca capisce di cosa parla quella particolare sezione del nostro sito, un parametro che secondo google è difficile da manipolare in modo fraudolento e proprio per questo quindi di grande importanza. 

Dove si trovano esattamente i titoli delle pagine? Il titolo di una pagina WEB è quello che compare nella parte superiore del browser (google chrome, internet explorer, etc..) proprio nelle schede che teniamo aperte nel nostro navigatore ed è quindi la prima cosa scritta che un utente vede sulla nostra pagina.

Il titolo principale quindi ha una doppia valenza di importanza se da una parte va pensato per rispecchiare l'argomento trattato in quella determinata pagina dall'altra dobbiamo pensarlo anche come principale adattamento delle parole chiave del nostro sito web.

I titoli delle varie pagine del nostro sito internet ci danno quindi anche l'opportunità di competere all'interno delle ricerche organiche di un motore di ricerca per varie parole chiave e non soltanto per quelle 5 o 8 parole chiave principali a cui il nostro sito internet è associato dato che un motore di ricerca come google in realtà non indicizza e posiziona un intero sito internet vedendolo come " un unica entità" ma indicizza e posiziona ogni singola pagina al suo interno dando ad ognuna di esse un importanza e una posizione. 

Non capita di rado infatti che inaspettatamente troviamo che una delle nostre pagine interne (quindi non l'home page) per la rilevanza dell'argomento trattato o per l'interesse che suscita negli utenti si ritrova largamente meglio posizionata rispetto alla pagina principale facendoci capire l'importanza di ogni singola pagina del nostro sito web.

Il motivo per cui google da molto valore a questo parametro SEO è sicuramente racchiuso nel fatto che gli sviluppatori del motore di ricerca hanno ritenuto improbabile che un web master possa mentire sul titolo di una pagina (ad esempio scrivendo un titolo diverso da quello che è poi il reale contenuto della pagina) facendo di questo parametro un pilastro da cui iniziare a indicizzare e posizionare al meglio il nostro sito internet.

 

Hai già un sito internet? Ma il Galatea Power è qualcosa di più di un banale sito internet

Hai un sito internet aziendale e anche se non ti da molti risultati sei convinto di avere il massimo che puoi avere? 

quattrocolori web design

 

Ai clienti che rispondono di avere già un sito internet non possiamo che dire che il Galatea Power non è un semplice sito internet. Avere un sito internet che non è parte di un servizio più completo e integrato di manutenzione, consulenza, gestione non serve a nulla.

Avere un sito internet non significa avere una presenza nel web, si può benissimo avere un sito internet completamente inutile.

Purtroppo un sito internet inutile non è solamente una gran perdita di tempo dal punto di vista economico ma probabilmente pure un qualcosa, un tappo, che ci fa pensare che questo è avere un sito internet.

Il servizio Galatea Power di Galatea Web è concepito solamente per aziende e singoli che hanno necessità di essere realmente presenti sulla rete. QUesto significa che prima ancora di avere un sito internet bisogna avere un interlocutore capace di consigliarci quello che dobbiamo fare. 

Le scrivanie virtuali Galatea Web servono proprio a questo, domandando ai nostri consulenti consigli, richieste di intervento e quant'altro è possibile preparare la nostra pubblicità su internet in modo che il sito internet sia parte di qualcosa di molto superiore a uno spazio statico dove scrivere chi siamo, dove siamo e pubblicare quattro foto.

Il vero limite delle aziende e delle attività che oggi promettono lo sviluppo di siti internet è proprio questo, il grosso limite di queste aziende è quello di non avere chiaro cosa significa gestire un servizo che fin dall'inizio deve essere programmato per raggiungere degli obbiettivi per il cliente di cui il sito internet è solo una parte e uno strumento. 

Il Galatea Power sta gradualmente e costantemente diventando in Italia il metodo principale per avere una presenza on line seria ed efficiente. 

 

espandere il sito multilingua

Internet ci da la possibilità di espandere la nostra attività in tutto il mondo attraverso il nostro sito internet, ma questo richiede preparazione e un attenta analisi, per il resto c'è google.

nermondo

 

Tantissime opportunità da internet compresa quella di rivolgere il nostro sito internet non solo al mercato Italiano ma anche al mercato Europeo e mondiale.

Per prima cosa occorre che il nostro sito sia interamente tradotto nella lingua a cui vogliamo rivolgerci e attenzione, non basta il traduttore automatico ma occore che google percepisca il testo tradotto nei nostri database. 

Fatto questo dobbiamo prepararci a comunicare con i clienti provenienti dalle altre nazioni, se abbiamo d esempio un servizio di assistenza dobbiamo essere sicuri di poter rispondere anche nella lingua a cui ci stiamo rivolgendo.

La preparazione interna insomma è fondamentale per potrci permettere di affrontare il mercato internazionale, bisogna anche capire se i nostri servizi / prodotti hanno bisogno di leggere modifiche nella loro fruizione e produzione per andare incontro ai gusti e alle abitudini della nazione a cui ci stiamo rivolgendo.

Fatto questo non resta che pensare ad una strategia che ci consenta di affrontare questi diversi mercati.

Google come tutte le principali piattaforme è presente in tutto il mondo sarà compito della nostra agenzia web occuparsi della registrazione del sito nei diversi GOOGLE nazionali, google infatti si apre automaticamente nella nostra lingua ma se ad esempio scriviamo www.google.de visiteremo il google Tedesco.

Bisognerà rivalutare tutte le parole chiave del sito per metterle in corrispondenza con le ricerche extra nazionali, il modo infatti con cui le persone cercano " le cose " cambia di nazione in nazione essendo strettamente collegato agli usi e costumi di quella particolare nazione, useremo allora approcci diversi alle parole chiave se stiamo vendendo case in Giappone o in America. 

Il grande strumento che ci consente di acquisire clientela nei mercati mondiali è una duplice concentrazione di due cose fondamentali, il nostro sito internet debitamente sviluppato in modalità multilingua da un lato unito alla preparazione aziendale nel trattamento di tuttti i clienti delle nazionalità trattate e l'utilizzo delle grandi piattaforme che ci consentono di raggiungere velocemente i clienti nelle nazioni che desideriamo. 

Si possono programmare campagne facebook in varie lingue e per nazioni specifiche, e così su twitter, instagram, google, ma anche i blog e i forum presenti nelle varie nazioni possono fare al caso nostro.

Prepararsi per affrontare i mercati extra nazionali è molto impegnativo ma può proiettare il nostro sito internet o negozio on line nel meraviglioso mondo della vendita mondiale. 

Gestire i prodotti di un e - commerce, inutile delegare a chi fa il sito internet

La gestione dei prodotti in un sito e-commerce, non ha senso farli gestire a qualcun'altro perchè dovete sempre inviarglieli.

prodottiecommerce

Molti nostri clienti ci dicono ma se facciamo l'e-commerce i prodotti li inserite voi? Come dire, ragioniamo un attimo su cosa significa che qualcun altro inserisca i prodotti aziendali da vendere nel nostro e commerce al posto nostro.

Se io voglio che tizio inserisca un mio prodotto all'interno di un e-commerce devo come minimo mandargli via mail questo prodotto da inserire, devo quindi scrivere una mail dove inserire almeno le informazioni importanti per permettere la pubblicazione del prodotto.

Quali sono le informazioni importanti di un prodotto? il minimo indispensabile per essere pubblicato? Bhe, prima di tuttto il nome del prodotto, poi dobbiamo descrivere questo prodotto per far capire all'utente cosa sta acquistando e per ultimo, poi dobbiamo indicare un prezzo, un ulteriore prezzo di spedizione, una foto o più foto per far guardare al cliente che cosa sta acquistando.

Tutte queste cose dobbiamo inviarle al singolo o all'agenzia che ci pubblicherà il prodotto una per una, non possiamo pensare certamente che una terza parte si metta a dedurre quali siano i nostri prodotti da indicazioni di base, ne possiamo pretendere (almeno non gratuitamente) che qualcuno cerchi il prodotto su internet a da un listino prezzi trasformandolo in un prodotto reale. 

La cosa più professionale possibile ed anche la più logica è quella di inserire da soli i propri prodotti all'interno del sito internet, magari delegando il compito di tenere aggiornato il sito internet a qualcuno in azienda.

Questo perchè il tempo che si perde nell'inviare una mail come quella citata sopra è superiore al tempo che si investe nell'aggiornare autonomamente il nostro e commerce. 

Per questo, una ditta professionale di sviluppo e commerce deve assolutamente fornirvi un sito internet dove il cliente non debba dipendere da nessuno per l'inserimento, la modifica e l'eliminazione dei propri prodotti. 

Galatea Web fornisce l'accesso alla propria amministrazione ed una semplice video guida di circa 10 minuti che spiega come aggiornare i propri prodotti. 

 

internet è di che se la prende, rendi libera la tua azienda

Regole e imposizioni sono la norma dei social network, da facebook a twitter tutto è studiato per rendere la tua azienda ingabbiata in una pubblicità moderata che dia profitto soprattutto alle grandi piattaforme, è giusto usarle ma renditi libero con il tuo sito internet.

libertà a

 

Nei primissimi anni del nostro lavoro quando Galatea Web era solamente una piccola agenzia ancora ai suoi inizi internet era un mondo meravigliosamente libero in cui le aziende riuscivano con un pizzico di originalità a farsi conoscere. C'èrano forse meno potenzialità di adesso e meno persone collegate però c'èrano anche poche regole imposte dagli altri e ognuno riusciva a trovare la sua strada tanto che aziende piccole sono diventate grandi in poco tempo.

Oggi siamo tutti imprigionati all'interno di enormi social network come facebook dove apparantemente puoi fare tutta la pubblicità che vuoi ma dove nella realtà al più piccolo sbaglio ricevi sospensioni di account, censure, limitazioni di ogni tipo. Puoi fare vedere la tua pubblicità agli altri ma non è gratis come una volta, devi pagare profumatamente.

Su google, su twitter, dappertutto è la stessa cosa.

l'unica vera piattaforma dove si può ancora organizzare la propria pubblicità ed i propri servizi senza dare conto a nessuno è il proprio sito internet ed è forse pe questo motivo che anche qui si tenta di disabituare le aziende (soprattutto le piccole ovviamente) a non sviluppare più una propria piattaforma internet ma affidarsi alla paginetta su fcebook o all'annuncio a pagamento su google che magari poi ti porta ad un sito prefatto anch'esso pieno di regole e limitazioni.

In un sistema del genere solamente le grandi multinazionali pagando ingenti somme riescono ad emergere attraverso massice campagne pubblicitarie.

Da sempre noi sosteniamo le piccole e medie imprese (ma anche le grandi) che intendono diventare da sfruttate a sfruttatrici di questi colossi del web costruendo all'interno del proprio sito internet la propria immagine aziendale utilizzando queste piattaforme esclusivamente per potenziar e rendere visibile quest'ultimo.

Così come noi siamo riusciti costruire la nostra realtà diventata ormai da anni totalmente indipendente e autonoma su internet vogliamo che anche voi riusciate a realizzare questo progetto.

 

 

Il sito internet non è una pubblicità

Una vecchia concezione del sito internet vuole che sia percepito da molti clienti come una pubblicità per la propria azienda, ma non è così.

machina

 

Il sito internet visto come pubblicità, uno sbaglio che fanno moltissimi clienti che continuano a vedere il sito internet aziendale come una sorta di pubblicità paragonandola ad altre forme di pubblicità e valutandolo in termini del tipo " no per adesso non voglio fare il sito ho già fatto pubblicità per quest'anno", ma che significa?

Qui a Galatea Web abbiamo imparato negli anni, osservando l'evoluzione di internet e di conseguenza dei siti web quanto lontana questa visione sia ormai dalla realtà di oggi, il sito internet non è una pubblicità (infatti si può pubblicizzare) ma una piattaforma, la " casa della nostra azienda " sul web, un posto dove accogliamo i nostri utenti / clienti e non solo.

Il sito internet è anche utilità, utility come dicono gli Americani che il concetto di tool aziendale lo hanno inventato, il sito è il nostro strumento per gestire in modo moderno e all'avanguardia i nostri clienti.

Facciamo un esempio pratico e parliamo ad esempio del Galatea Power Sport, il nostro sito base dedicato alle aziende come palestre, piscine, eccetera. Un sito dedicato allo sviluppo di queste tipologie aziendali, il sito servirà per gestire i turni e gli iscritti, per iscriversi ai corso e conoscere meglio gli istruttori. Un sito dedicato insomma che ci aiuta non solo a pubblicizzarsi (sicuramente) ma anche e soprattutto a gestire i nostri clienti.

I vantaggi di una gestione on line della nostra clientela, sono tantissimi, significa rendere molto più semplice e potente la partecipazione alle nostre attività aziendali o di altro tipo e quindi in buona sintesi più che una pubblicità il sito è proprio uno strumento di gestione aziendale che ci permette di avvantaggiarsi sulla concorrenza ma soprattutto ci permette di migliorare la qualità del nostro lavoro.

Il sito internet, sei tu che devi fornire i contenuti

Il problema più frequente che siamo costretti ad affrontare con i nostri clienti è l'inversione dei ruoli durante lo sviluppo del sito internet, in questo articolo parleremo di cosa si occupa la web agency e quali sono gli aspetti di responsabilità del cliente.

web agency e servizi 600x400

 

Quando ci si ritrova a produrre un sito internet per un azienda ben strutturata è chiaro fin da subito il ruolo tra web agency e azienda cliente e se la prima è chiamata a sviluppare il sito internet nella sua struttura concependo le modalità con cui presentarsi agli utenti e fornendo spunti per potenziare le modalità di acquisizione dell'utente potenziale cliente i problemi sorgono quando ad ordinare il sito internet sono clienti che partono ad un esperienza meno srutturata e con meno esperienza di gestione aziendale che fraintendono spesso il ruolo della propria web agency nella realizzazione del sito internet.

Il sito internet è infatti un contenitore che deve essere riempito come abbiamo detto molte volte in questo blog con i contenuti che l'azienda già possiede o che deve produrre per l'occasione.

Questi contenuti possono essere testi di presentazione aziendale, grafiche e loghi identificativi dell'azienda, promozioni ed offerte, le foto e tutto il materiale che concerne i prodotti, video, audio e quant'altro faccia parte della storia identitaria dell' azienda o del progetto (identity).

l'Eventuale delega alla web agency della produzione di questi contenuti infatti anche se possibile non lo è certamente in forma gratuita e non va intesa come facente parte dello sviluppo del sito internet.

Un caso eclatante e che ci capita spesso è quello del logo, singoli privati che intendono sviluppare un sito di vendita di qualcosa ad esempio che danno per scontato che lo sviluppo di un logo grafico sia facente parte del lavoro di sviluppo del sito internet.

Occorre quindi capire la differenza che esiste tra sviluppo del sito internet e sviluppo di tutti quei contenuti aziendali che sono a carico dell'azienda stessa.

Per fare un esempio poco felice ma calzante se il sito internet è il vestito l'azienda è la persona che quel vestito copre. 

Galatea Web offre potenziamenti che se attivati comprendono la creazione di contenuti come nel caso della gestione del blog aziendale, questi potenziamenti hanno costi e regole a parte e possono essere acquistati anche separatamente dal sito internet (alcuni invece vanno solo con il sito).

Prima di decidere quindi di aprire un sito internet cerchiamo di capire se possediamo già tutti quei contenuti che serviranno per la realizzazione dello stesso e che l'agenzia di sviluppo ci chiederà o se possiamo permetterci di acquistare separatamente dalla stessa che possiamo riassumere grosso modo nella lista sottostante.

  1. Il logo aziendale.
  2. Una presentazione aziendale che si olito viene inserita nella pagina CHI SIAMO.
  3. le foto degli eventuali prodotti eventualmente in vendita nel sito.
  4. la descrizione dei prodotti eventualmente in vendita nel sito.
  5. la descrizione dei servizi fruiti dal sito.
  6. eventuali grafiche aziendali riferite a prodotti, offerte eccetera.
  7. ogni altro genere di materiale a livello di contenuto che debba essere inserito all'interno del sito internet.

Insomma prima del sito internet bisogna necessariamente costruire una propria identità aziendale capace di trasmettere il messaggio che vogliamo trasmettere indipendentemente dal supporto con cui intendiamo farlo (sito, social netowrk, cartaceo, eccetera).

 

come vendere on line trasmettendo fiducia e competenza

Raccontare quanto più possibile sui propri prodotti significa trasmettere fiducia e quindi convincere le persone ad acquistare. 

vendere su internet online molecom ecommerce

A volte per vendere on line ma in generale per vendere si può fare la differenza più che col prodotto stesso che comunque dev'essere di qualità con il nostro valore aggiunto e dietro ad ogni prodotto c'è una storia e qualcosa da raccontare che dev'essere raccontato.

Che significa questo se non offrire alle persone l'opportunità di fidarsi di noi nel modo più semplice possibile? Conoscendoci. Tutti siamo portati a fidarci di chi conosciamo ed è così che l'aspetto CHI SIAMO di un sito internet se gestito nel migliore dei modi può causare l'effettivo aumento delle vendite del nostro sito internet.

Le persone acquistono ciò di cui hanno bisogno ma a volte si innamorano anche di un azienda, di un marchio, di un prodotto e questo avviene quando quell'azienda, quel marchio e quel prodotto hanno saputo raccontarsi bene.

Come sempre abbiamo spiegato in questo blog raccontarsi significa PRODURRE CONTENUTI originali nel tempo facendo in modo che le persone si affezionino alla nostra azienda e al nostro messaggio diventando di conseguenza più disposte ad acquistare i nostri prodotti.

Se questo è vero per qualsiasi tipo di azienda è ancora più importante in un sito internet dove venendo a mancare il contatto umano diventa significativo poter esprimere in altri modi, con testi, video, immagini, quello che pensiamo del nostro lavoro.

Alla gente piace chi si appassiona al proprio lavoro perchè pensa che chi svolge con amore il proprio lavoro sia capace di sfornare servizi e prodotti migliori e non hanno torto.

In un mondo pieno di concorrenza diventa essenziale fare quel tratto di strada in più per superare i propri competitor e questo come in ogni aspetto della vita lo si fa mettendoci il cuore e la faccia. 

Se io costruisco prodotti artigianali allora vi posso raccontare come li costruisco, quando ho iniziato, perchè lo faccio, quando ho pensato di cambiare il mio modo di lavorare, come ho superato gli ostacoli nel corso della mia carriera. Ed ecco che il mio prodotto avrà una storia e un passato che sono stati svelati aumentandone il valore.

Valore, ecco la parola chiave di questo articolo, aumentre al massimo il valore del nostro prodotto abbassando il prezzo fino al punto in cui il rapporto qualità prezzo diventi la propria carta vincente.

 

gestire i commenti sui post nei social network

quando lanciamo una pubblicità su facebook, un tweet su twitter, in generale quando scriviamo qualcosa in merito alla nostra azienda sui social network dobbiamo imparare a gestire con la massima professionalità le risposte positive e negative degli utenti.

sociallink

 

Quando esponiamo la nostra azienda attraverso la pubblicità dobbiamo, specialmente sul web, ricordare che gli utenti sono in grado di interagire con i nostri post, comunicati, eccetera e in quella che è l'anarchia di internet può arrivare di tutto, dagli insulti ai concorrenti che si fingono normali utenti che cercano di denigrarci a tutto il resto.

Come reagire? Come preservare la nostra immagine ed allo stesso tempo mantenere un contegno ed una professionalità degne di un azienda di qualità?

Cominciamo con il dire che bisogna assolutamente evitare qualsiasi forma di "lite" anche con l'utente più maleducato, una disarmante gentilezza è sempre l'arma vincente di un azienda competente, in questo modo si mostra sicurezza e controllo della situazione. " Gentile utente, gentile cliente, siamo spiacenti che la sua esperienza eccetera eccetera" anche davanti ai peggiori insulti di solito bastano per neutralizzare la maggior parte della marmaglia che utilizza un linguaggio scurrile.

Nel mezzo dei commenti dobbiamo sempre stare allerta cercando di individuare quelli che possono essere clienti insoddisfatti o concorrenti " infiltrati " che attraverso un apparente gentilezza ed educazione cercano con discussioni convincenti di smontare i nostri prodotti o servizi magari millantando esperienze negative, questi sono i commenti più insidiosi da affrontare.

Dobbiamo resistere dal cancellare i commenti per evitare che le altre persone si rendano conto che una critica apparentemente sensata sia così pericolosa per l'azienda addirittura da essere cancellata.

Non bisognere rispondere con emotività ma utilizzando una formula del genere: " gentile cliente siamo lieti di poterle rispondere in questa sede, riguardo alla..." bisogna poi smontare non tanto la questione eventualmente tecnica affrontata dall'utente ma far sorgere il dubbio in chi legge che l'utente sia realmente chi dice di essere o che abbia realmente vissuto quel problema rimandando eventualmente l'utente ad una discussione privata se ha necessità reale di assistenza.

In generale qualsiasi tipo di risposta negativa che possa passare dall'insulto alla critica si deve infrangere in un muro altissimo e solidissimo di freddezza e gentilezza, cordialità e professionalità, nessuna emotività, come un robot addestrato a dire sempre la stessa cosa, risponderemo a denti stretti a qualsiasi commento.

Non sopravvalutate il potere di un commento di danneggiare l'immagine dell'azienda. 

Di fronte ad un commento articolato e veritiero che possa invece mettere a nudo eventuali reali falle aziendali bisogna reagire con il tempestivo cancellamento dello stesso, invitando poi l'utente responsabile del commento a discuterne in privato.

 

La pubblicità deve essere chiara e non nascosta, lo dice anche google

Sulla scia delle ultime news che vedono Google impegnato a combattere gli spot pubbliitari nascosti affrontiamo oggi l'argomento della pubblicità spam che spesso i nostri clienti ci chiedono ma che può essere dannosa e non da molti risultati.

google ad 650x245

 

 A volte i clienti mi dicono possiamo fare quelle pubblicità che spuntano dappertutto, così la gente clicca e va al sito, quelle che spuntano quando apri altri siti o quelle spuntano dalle mail eccetera eccetera, a tal proposito non possiamo che rispondere che questo genere di pubblicità non solo non va bene ma induce l'azienda a grandi sforzi a livello di budget per risultati non solo deludenti ma anche molesti nei confronti dell'utente.

La buona pratica della pubblicità diretta solo a chi è interessato è supportata da aziende come google che ha circa 1.000 sviluppatori a lavoro ogni giorno per scovare queste forme di pubblicità ingannevole e fastidiosa penalizzando i siti che la propongono, perchè accade questo? 

Perchè non ha alcun senso proporre una comunicazione pubblicitaria del genere, internet permette una grande specificazione degli annunci pubblicitari, questo significa che su internet rispetto la televisione o la radio noi siamo in grado di comunicare il messaggio dell'azienda direttamente ai potenziali clienti interessati a quel prodotto scegliendo anticipatamente la nicchia di utenza a cui rivilgersi.

La pubblicità di qualità è quindi quella che viene rivolta solamente a chi è in condizione di apprezzarla, questo offre una maggiore possibilità di successo ed anche in definitva un minor costo per l'azienda che ci guadagna anche in termini di immagine.

Tutto questo non è solo un consiglio ma anche un obbligo almeno dal punto di vista di aziende come google che mal sopportano forme di pubblicità celate come ad esempio falsi bottoni di menù dove cliccando si va invece ad una pubblicità.

 

 

Cosa fare e cosa non fare quando si ordina un sito internet

Quando ordiniamo un sito internet dobbiamo evitare di commettere alcuni semplici errori con il nostro sviluppatore, web master, agenzia, che ci potrebbero portare in buona fede ad avere un servizio scadente.

sviluppatore

 

Molte volte mi si chiede quali siano i miei clienti che hanno avuto successo con il proprio sito internet per cercare di capire se un settore può andare bene o male rispetto ad un altro su internet o per andare a curiosare nei loro siti internet per carpire i segreti di questa figura mitologica che è il cliente che c'è l'ha fatta.

Potrei dire che il cliente che riesce nel suo progetto di sito è il cliente che investe più soldi (ed in parte potrebbe anche essere vero), quello che possiede personale in azienda capace di rapportarsi con l'agenzia in modo da avere un punto di riferimento stabile che faccia da ponte tra noi e l'azienda, quello che ha il prodotto migliore o quello che è già conosciuto. Potrei dire tutte queste cose e tutte hanno un fondo di verità.

Se dovessi però rispondere in modo veritiero a questa domanda direi che il cliente che riesce di solito nel suo progetto WEB è il cliente che lascia lavorare in pace lo sviluppatore senza pretendere di dirgli (o dirle) esattamente cosa fare. Che significa questo? che non possiamo pretendere di ordinare un sito come lo vogliamo noi? 

No, assolutamente no. Cerco di spiegarvi un altra cosa che purtroppo non tutti capiscono condannando inevitabilmente il proprio sito internet ed il proprio progetto web.

Per qualche strano motivo in Italia si pensano due cose errate: 1) Fare siti internet è una cosa semplice tanto che molti si affidano al cugino o allo zio che fa siti con risultati deludenti. 2) Questo mettilo qui, questo spostalo qui, insomma si pensa che lo sviluppatore sia una specie di idiota cerebro-leso a cui dire esattamente dove mettere ogni singolo bottone del nostro sito internet.

Purtroppo la credenza illustrata sopra fa si che un buon 80% di siti internet finisca per essere praticamente inutile e quando andrai a controllare i siti internet con un alto margine di fallimento sono proprio quelli in cui il proprietario ha scelto di partecipare attivamente nello sviluppo.

Ma per quale motivo accade tutto ciò? 

Dal punto di vista tecnico semplicemente perchè chiunque intervenga nel lavoro di qualcun altro senza saperlo fare finirà inevitabilmente per creare dei problemi, a volte si pensa che un menù messo in un posto piuttosto che un altro sia una grande idea o ci si convince di essere dei geni che capiscono subito come funziona il WEB senza considerare che chi ci lavora da anni o decenni forse ne ha capito qualcosa in più di noi. Si costringre lo sviluppatore a perdere molto tempo in estenuanti modifiche del tutto inutili dal punto di vista della possibilità di successo del sito causando alla fine la demoralizzazione dell'operatore che sta sviluppando per noi un sito che perde la voglia e l'interesse di agire in base alle regole del suo lavoro e diventa un inutile passa ordini che fa quello che un cliente inesperiente gli dice di fare.

Questa terribile piaga è purtroppo congenita del nostro lavoro (come lo è per un grafico e tutti gli altri creativi in ambito commerciale) perchè si ha a che fare con quella che è l'immagine del cliente ma in un sito internet si devono fare i conti con moltissime altre cose ed è veramente raro che un cliente esiga di solito cose che hanno un senso.

Nell'articolo precedente abbiamo parlato della divisione di un sito internet in 3 parti essenziali, la struttura o scheletro, il codice o cervello con tutte le sue funzionalità e i contenuti. Ecco, i contenuti dovrebbero essere l'unica cosa in cui un cliente dovrebbe intervenire. Il resto, l'architettura tecnica del sito dovrebbe essere lasciata in affido allo sviluppatore, al tecnico che ci sta facendo il sito internet, chiedendo semplicemente con molta modestia se qualcosa si può fare o meno o se ne vale la pena farla, accordandosi inizialmente su quelli che sono gli obbiettivi che si vogliono raggiungere ed evitando caldamente di entrare troppo nel vivo dello sviluppo.

 

qualcuno in azienda deve occuparsi del sito internet

Abbiamo spesso parlato dell'importanza dell'agiornamento dei contenuti di un sito internet senza contare che se si trattasse di un e commerce vanno aggiornati i prodotti (è possibile delegare anche a noi), ecco che assegnare a qualcuno il compito di gestire il sito internet potrebbe risultare essere una carta vincente.

operatorepc

Non è obbligatorio avere una persona in azienda che si occupi principalmente di seguire il nostro sito internet ma se abbiamo deciso che la gestione web della nostra attività deve avere una certa importanza potrebbe risultare molto più agevole avre un referente in azienda che si occupi di seguire tutte le vicende che riguardano il sito internet.

La scelta sta tutta nel decidere se pagare una propria risorsa interna magari risparmiando piuttosto che delegare all'agenzia web che ci segue tutta una serie di cose come ad esempio l'aggiornamento ciclico dei contenuti o dei prodotti se si tratta di un e commerce.

In questo caso ovviamente è necessario che la nostra risorsa umana sia compatibile con il tipo di lavoro da svolgere, se si tratta di un negozio on line ovviamente deve assolutamente avere una certa dimestichezza con i prodotti ma anche un certo grado di familiarità con internet.

I siti Galatea Web ad esempio sono forniti con tutta una serie di guide per imparare autonomamente a gestire i contenuti apportando modifiche al sito o ai prodotti, sono delle operazioni molto semplici ma che richiedono comunque un certo grado di applicazione.

La vendita on line a prescindere dalle modalità con cui essa avviene richiede attenzione ed una certa cura giornaliera, questo ovviamente comporta dei costi non indifferenti con l'agenzia che cura il nostro sito internet se vogliamo mantenere un certo livello di qualità, potrebbe quindi essere proficuo addestrare una risorsa interna a tale scopo.

Alcune aziende come Galatea Web sono preparate a questo e di solito si impegnano a formare la risorsa aziendale in modo che impari a rapportarsi in modo  ciclico con i nostri comparti, altri web master magari meno organizzati potrebbero comunque aiutarvi a far capire al " vostro uomo o alla vostra donna " in azienda come intervenire per modificare almeno le cose più importanti all'interno del sito internet.

Oltre al fattore prettamente tecnico il vantaggio di delegare a qualcuno la gestione del nostro sito internet sta nel fatto di poter garantire un rapporto continuo e duraturo con l'agenzia che si occupa della nostra pubblicità on line, risolvere quei piccoli problemi che ogni giorno possono nascere e che richiedono un attenzione immediata ed in genere aumentare al massimo la cura verso un comparto dell'azienda che se seguito bene potrebbe diventare uno dei più importanti per le vendite della nostra attività.

 

Le parti che compongono un sito durante la fase di sviluppo

Dalla struttura portante ai contenuti ecco di cosa è composto un sito internet durante le fasi di sviluppo.

meccanismo

 

Di cosa è composto un sito internet? In questo articolo parleremo di come è scomposta la fase di sviluppo di un sito internet prendendo come esempio il protocollo di sviluppo di un Galatea Power, il servizio di punta Galatea Web.

Analizziamo un sito internet più da vicino, com'è fatto? quali sono i pezzi che lo compongono e che rendono alla fine possibile la vendita on line e tutte le altre funzioni del sito? 

Potremmo dividere un sito internet in 3 grandi aree di sviluppo  loro volta poi composte da pezzi più piccoli, la struttura (o template) che sarebbe lo scheletro del sito su cui si poggiano tutte le altre cose, i componenti di programmazione (moduli, plugin, codice) che svolgono le funzioni più alte per così dire come il login o la registrazione degli utenti o i form che raccolgono dati, ed infine i contenuti (grafiche, immagini, testi) che riempiono il sito internet di tuttò ciò che ci riguarda.

 blogdigalatea dicosaecompostounsito

Queste grandi aree di sviluppo richiedono un lavoro di comunicazione e collaborazione tra chi sviluppa il sito internet ed il proprietario dello stesso, ma se nella prima area (lo scheletro) è bene lasciar lavorare lo sviluppatore del sito senza intromissioni l'area dei contenuti invece è totalmente sotto la responsabilità del proprietario del sito.

La scelta del template e quindi dello scheletro del sito è molto importante, una volta scelta infatti sarà poi quasi impossibile cambiarla in futuro senza un grosso intervento di ristrutturazione dello stesso sito che a volte è quasi meno conveniente di rifarlo d'accapo. 

Il " cervello " invece e quindi tutte quelle parti funzionali (componenti, moduli, plugin e codice di programmazione) dipendono da ciò che noi vogliamo che il sito faccia e quindi dai suoi obbiettivi e dalle sue pretese on line.

Tutte e tre le aree devono comunque essere generate da un progetto di base da cui poi si espande lo sviluppo nelle 3 aree. In definitiva, da un progetto di partenza si passa allo sviluppo dello scheletro, del cervello e per finire all'inserimento dei contenuti prodotti dal cliente, in suo possesso fin dall'inizio o creati apposta per il sito internet come un lavoro a parte. 

 

Realizzazione siti e-commerce, perchè il 99% è un flop. Vendere on line

Chi vi dice che vendere on line è facilissimo chi invece vi mette paura dicendovi che è impossibile, ovviamente stanno solo cercando di fregarvi tutte e due, leggetevi un pò di verità sull'e-commerce.

e commerce 696x583

Nel settore della realizzazione di siti internet ed e commerce si trova di tutto, da quelli che promettono mari e monti a quelli che scoraggiano il cliente dicendo che non c'è niente da fare come in questo articolo che abbiamo trovato sulla rete: CLICCA QUI PER LEGGERLO.

Come mai? Insomma qual'è la verità sull'e commerce e come mai su internet troviamo questi due estremi pensieri che poi rappresentano solamente due modi per vendere lo stesso prodotto? 

Perchè come abbiamo detto sopra sia gli uni che gli altri (gli ottimisti e i pessimisti) si concentrano sul " convincervi " i primi basandosi sulla leva speranza ed i secondi sulla leva " paura " a vendervi un servizio, cosa che facciamo tutti in questo settore, anche noi vendiamo siti internet, però c'è una grossa differenza noi preferiamo (come si evince da tutto il blog di Galatea) parlare della realtà di quello che è gestire un sito internet (che poi sia un e commerce o altro in fondo è pure indifferente perchè lo scopo finale di un sito aziendale è generalmente sempre quello di vendere e che acquistino direttamente il prodotto o che ci contattino è la stessa cosa).

Perchè accade questa cosa? Sviluppare un sito internet che sia connesso ad un bel progetto è una cosa così bella, curarlo, anche e soprattutto da parte del cliente, farne crescere i contenuti, conquistare mese dopo mese clienti affezionati, discutere nei forum e nei blog per diffonderlo, curarrne l'aspetto social, non è affatto vero che se hai 10.000 euro è meglio spenderli in una vacanza perchè con 10.000 euro su internet si può fare tantissimo e conosco decine e decine di startup e progetti oggi di rilevanza nazionale che hanno cominciato con molto meno, anche gratis.

Quindi, perchè Viasetti scrive dell'e-commerce come di una specie di piaga? Forse perchè non ha mai affrontato l'argomento da un altro punto di vista ovvero quello della verità. 

Ad un cliente non bisogna dire ne che vendere on line è una barzelletta molto facile da fare ne che sia una cosa impossibile, bisogna dire la verità e la verità non la si dice in un articoletto di una paginetta, la si racconta mese dopo mese come facciamo noi senza fare propaganda molesta ma semplicemente spiegando al cliente la cura, l'impegno e l'energia che deve mettere insieme a chi gli cura il sito nel tempo per costruire il suo progetto e commerce.

Avere una buona idea, prima di tutto, perchè anche se vendi olio come tanti, se sei capace di creare un logo e un nome simpatico, mettere dietro alla mera vendita un personaggio, un idea innovativa, qualcosa che attiri di più l'attenzione rispetto ai tuoi mille concorrenti stai certo che l'olio lo venderai.

E' verissimo, un sito su 100 riesce, questo è vero, ma è anche giusto che sia così ed è anche giusto che gli altri 99 ci provino, a non farcela alla fine non saranno i poveretti gabbati dall'agenzia o dal web master ma coloro che per primi non hanno messo impegno nel loro progetto perchè io non ho mai visto non funzionare un sito internet o in generale un progetto pubblicitario in cui il titolare per primo ci credeva e si è impegnato tantissimo per farlo riuscire.

E' sbagliato dire alle persone che con pochi soldi possono senza impegno fare un e commerce, è sbagliato spaventarle dicendo loro che un sito no serve a niente, entrambe le cose sono il frutto della malizia di voler vendere e basta.

Spiegate bene ai clienti cosa si fa nel tempo per gestire e far funzionare un sito, quanto può costare, raccontate come funziona internet come facciamo noi, non abbiate paura di uscire fuori la conoscenza di quello che è lo sviluppo internet e le sue dinamiche e poi vedrete che saranno i clienti stessi, informati, a decidere se ne vale o meno la pena.

Va bene vendere, ma siate professionali. 

 

 

 

come aprire un sito internet

Cosa occorre per aprire un sito internet? Andiamo a vedere quali sono i servizi che compongono un sito internet.

internet

 

Per aprire un sito internet occorre avere prima di tutto un idea di cosa fare, se magari avete già un attività e volete proiettarla sul web o se volete lanciare un idea del tutto originale.

Una volta capito il vostro progetto vi serve un nome, capire come volete chiamare il vostro sito internet e quindi di conseguenza scegliere il nome a dominio.

Cos'è un nome a dominio? E' il nome del sito internet sul web, di preciso quello che apparirà sul browser (internet explorer, google chrome eccetera), per esempio www.nomesito.com.

Attenzione, molti confondono il nome del dominio con la ricerca che può essere effettuata su google che sono due cose diverse, il nome univoco del sito e quindi del suo dominio è un indirizzo web che punta esclusivamente al vostro sito e che va inserito nella sezione in alto del browser di navigazione, l'indirizzo del sito internet e del suo nome a dominio può inoltre essere messo nelle nostre pubblicità quali bigliettini da visita eccetera. 

Una volta deciso progetto e nome del dominio dobbiamo decidere come sviluppare il nostro sito internet.

Abbiamo diverse scelte a nostra disposizione ma la scelta migliore e senza dubbio quella di farci seguire da un agenzia seria e professionale che possa seguirci passo dopo passo nel nostro progetto ( clicca qui per dare un occhiata alla nostra offerta). 

Ecco tutto, le 3 cose fondamentali che ci servono per aprire un sito internet sono un idea, un dominio dove mettere il sito e un agenzia che ci segue nello sviluppo e nella gestione. 

 

Pubblicità: Internet sorpasserà la Televisione entro il 2019

Chiudiamo la settimana del Blog di Galatea con un interessante paronamica statistica sullo stato di salute della pubblicità Web, che pare stare veramente bene.

pubbliità online pwc

Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. Parola di Agatha Christie. E visto che noi dei grandi romanzieri ci fidiamo sempre, ci sembra giusto dedicare un post allo stato di salute della pubblicità online, visto che recentemente sono stati diffusi diversi dati interessanti sul tema.

Partiamo dall’Italia e dall’indagine Nielsen, secondo cui la raccolta pubblicitaria complessiva sul web in Italia supererà nel 2015 i 2 miliardi, più precisamente 2,1 miliardi di euro (+1,7 punti percentuali rispetto al 2014). La stima proviene dalla consueta survey annuale condotta su un campione rappresentativo del mercato italiano della pubblicità di circa 800 aziende investitrici.

In dettaglio -si legge nel report- oltre i 2/3 dell’investimento nel digital si dividono tra i segmenti display (banner) e search (parole chiave sponsorizzate sui motori di ricerca). Entrambi questi web channel registrano una quota in leggera diminuzione nel 2015 rispetto allo scorso anno, in favore del video e del social advertising che, secondo le stime, arriveranno a coprire rispettivamente il 17% e l’11% di quota sul totale degli investimenti online.

A livello di crescita del valore dell’investimento per il 2015, video e social registrano incrementi a due cifre, rispettivamente del +16% e +46%. Per quanto riguarda i settori, quello della distribuzione e quello delle automobili destinano al digital advertising le quote più elevate rispetto alla media del mercato, rispettivamente 53% e 41%, seppur con differenze al loro interno in termini di canali web: nel primo caso, il 70% del budget è rivolto a display e directories, per l’Automotive questa stessa porzione di budget è investita in search e video.

Un ultimo dato interessante, infine, riguarda il mobile, su cui si concentra circa il 25% degli investimenti, ed il mondo app, con circa la metà delle aziende intervistate che dichiara di aver sviluppato un’applicazione per il proprio business.

Ma da dove viene questa crescita?
Stando al rapporto dell’Osservatorio sulle Comunicazioni dell’Agcom, il valore della pubblicità online negli ultimi cinque anni (2009-2014) è quasi raddoppiato, segnando una crescita del 98%.

E nel frattempo cosa è successo nel mondo della carta stampata?
Secondo l’Asig (associazione degli stampatori di giornali), negli ultimi sei anni i quotidiani hanno perso un miliardo di pubblicità, passando dagli 1,8 miliardi raccolti del 2008 agli 810 milioni del 2014 (circa il 15% del totale del mercato pubblicitario italiano).

E il futuro?
In mancanza di predizioni qualificate, di visioni magiche od esoteriche, possiamo però porre una sufficiente dose di fiducia nell’Outlook sul Global Entertainment Media della nota società di consulenza PwC. Essa prevede  il sorpasso della pubblicità online su quella televisiva negli Stati Uniti a partire dal 2019.
L’eAdvertising, infatti,che nel 2014 ha generato 49,45 miliardi di dollari di ricavi negli USA, entro il 2019 salirà fino a 83,89 miliardi. La pubblicità televisiva, invece, crescerà a ritmi più contenuti, passando da 69,2 miliardi a 81,05 miliardi di dollari.

Responsabile principale di tale sorpasso sarà la crescita del mobilesempre più utilizzato dagli utenti per navigare in Internet. Questo cambiamento nelle abitudini di fruizione determinerà anche uno spostamento degli investimenti da parte degli advertiser. In dettaglio, la raccolta pubblicitaria sui dispositivi mobili passerà dai 640 milioni di dollari del 2010 a 38,85 miliardi nel 2019.

Se, come spesso è accaduto in passato, queste tendenze generali in fatto di “dieta mediale” si verificheranno anche nel nostro Paese, magari con alcuni anni di ritardo, sarebbe importante che il mercato -aziende, agenzie, media- non si facesse trovare impreparato, ma sapesse invece riorganizzarsi velocemente per valorizzare al meglio questi nuovi imminenti contesti.

18 anni fa il primo acquisto on line in Italia, oggi sono 20 milioni l'anno

18 anni fa  su IBS.it la prima transazione di e-commerce con carta di credito in Italia. Oggi sono 20 milioni l'anno gli utenti che acquistono on line con carta di credito.

ecommerce 12

 

18 anni, una storia bellissima che dal primo acquisto on line in Italia avvenuto nel 1998 si è evoluta fino ad oggi nel bel paese dove più di 20 milioni di persone acquistono abitualmente ogni anno beni e servizi tramite il commercio elettronico.

Una storia iniziata sulla scia degli Stati Uniti, come sempre nel web e finita con una grande espansione dell' e commerce. 

Se un tempo acquistare e gestire un negozio on line era una cosa destinata alle grandi aziende per il costo e la complessità dello sviluppo dei siti internet dedicati alla vendita on line oggi è finalmente diventata una realtà destinata a tutti quelli che ne vogliono coslhiere le potenzialità. 

Ma come saranno i prossimi 18 anni? Cosa succederà nel prossimo futuro? Si prospetta uno scenario in cui l'acquisto sul web diventerà la normalità assoluta superando di gran lunga l'acquisto tradizionale. Si pensa che anche nei negozi fisici la transazione monetaria finale avverrà comunque sul sito del negozio che raccoglierà l'ordine e lo fatturerà fungendo anche da gestionale aziendale.

Tutto questo è il normale evolversi degli aventi, quando un domani non esisteranno più le monete di carta internet diventerà il grande contenitore monetario mondiale dove le aziende muoveranno servizi e prodotti tramite la moneta virtuale.

Il primo ordine di acquisto avvenuto on line avvenne sul sito ibs.it e ad acquistare fu un utente americano, comprava una copia de La Concessione del Telefono di Andrea Camilleri.

 

dare un servizio prima ancora di vendere, il segreto di un vero sito internet

Viviamo in un epoca in cui non è più possibile concepire un sito internet come una mera vetrina per vendere e basta, oggi i siti vanno visti come vere e proprie applicazioni.

sitoapp

 

Sono finiti i tempi del sito vetrina quando l'azienda commissionava il classico sito con 4 paginette: chi siamo, dove siamo, servizi e contattaci. Oggi un sito del genere anche se è sempre meglio di niente è praticamente quasi del tutto inutile.

A sostituire un concetto di sito internet così arcaico è sicuramente il nuovo concetto di sito internet applicativo, una piattaforma capace di dare servizi attivi, informazioni, chat di assistenza, materiale da scaricare, la possibilità di usufruire di un area clienti per la gestione della propria posizione all'interno dell'azienda, integrazione con i social network, insomma qualcosa che possa dare un vantaggio immediato e gratuito prima ancora di proporre la vendita di un prodotto o di un servizio.

Ogni azienda quindi e non solo deve sforzarsi di immaginare il proprio sito internet quindi come un punto di riferimento anche per la propria gestione interna. Abituarsi a vedere internet non più come un fattore marginale ma come un estensione della cura dei propri clienti.

E' sempre più diffusa infatti la possibilità di attrezzare il proprio sito internet per seguire i clienti già fisicamente presenti nel negozio anche quando sono a casa, dalla gestione dei loro ordini alla possibilitò di visionare il proprio catalogo, un sito che possa essere insomma un vero e proprio prolungamento dell'attività in sede.

Se si utilizza il social network per pubblicizzarsi lo scopo sarà sempre quello di spedire il nostro utente all'interno del nostro sito internet, a casa nostra, dove la forza dei nostri concetti è espressa nel miglior modo possibile, dove l'utente potrà regisrarsi fornendoci le informazioni utili che ci permettono di gestirlo al meglio.

Ci spostiamo così dalla mera vendita all'informazione, scopo di un sito internet moderno è acquisire il cliente gradualmente attraverso un opera informativa efficace e continuativa nel tempo che porrà la vendita come ultimo traguardo a coronazione di un più ampio intervento strategico.

Il nostro negozio on line, sostituire ai trucchi la comunicazione integrata

Quante pubblicità ogni giorno ci appaiono sotto gli occhi annunciando miracolosi trucchi per pubblicizzare la nostra attività on line? Ma non ci sono trucchi, esiste solo la comunicazione integrata.

comintegrata

Il tuo sito in 5 click! vendere subito con il video corso di 10 minuti! Il tuo sito dalla pagina facebook in pochi istanti! Internet è piena di bufale del genere che mirano a vendere prodotti pubblicitari scadenti che fanno pensare che esistano dei piccoli ma efficaci trucchi per essere subito in grado di lanciare la propria attività nel web spendendo poco ed ottenendo risultati in poco tempo, ma ovviamente tutto questo non è vero e ben lo sanno tutti quei clienti che hanno già provato simili servizi.

In questo blog abbiamo spesso affrontato temi importanti della moderna pubblicità su internet, da google a facebook, fino a youtube e abbiamo potuto vedere come partendo dalla qualità dei nostri contenuti sul web ogni piattaforma ed ogni canale di vendita sia in verità assai complesso da utilizzare. 

Facciamo un ulteriore passo e cominciamo ad affrontare insieme l'unico argomento che può veramente aiutarvi nella gestione di una pubblicità efficace e cioè quella che comunemente viene indicata come comunicazione integrata. 

l'Uitlizzo di tutte queste piattaforme contemporaneamente partendo da una comunicazione efficiente e completa e poi adattata a tutti i supporti è l'unica vera arma vincente per ottenere dei risultati e questo comporta tempo, energia ed un discreto investimento annuale che oggi ha si come vantaggio quello di poter essere diluito durante l'anno senza grossi investimenti immediati ma che però va fatto o possiamo dimenticare qualsiasi forma di risultato.

Cosa significa esattamente comunicazione integrata? 

Weekepedia ci da una splendida definizione di comunicazione integrata: Si parla, pertanto, " di sinergia tra i diversi strumenti di comunicazione.Gli sforzi di integrazione portano a risultati migliori rispetto alla somma degli effetti delle singole azioni."

Che significa ciò? se utilizziamo bene in modo separato Facebook e Google possiamo ottenere dei risultati ma se utilizziamo facebook e google contemporaneamente il risultato globale sarà migliore dei singoli risultati e perchè avviene questo? 

In qualche modo la nostra comunicazione se avviene in tutte le piattaforme disponibili con una certa coerenza di base garantisce dei risultati migliori questo perchè l'utilizzo di tutte le piattaforme garantisce non solo un aumento dell'utenza verso il nostro sito internet ed in generale verso il nostro messaggio aziendale ma essendo queste piattaforme interconnesse tra loro andremo a creare anche un traffico di utenza globalmente superiore e sparso per tutti i nostri canali.

Non dobbiamo neanahce sottovalutare l'importanza di rivolgerci ai nostro utenti in tutti i canali perchè questo significa un aumento della nostra autorità e credibilità sul web non indifferente. 

Il potere di internet, il vero potere di internet restano ancora i link, la possibilit di connettere più luoghi di aggregazione in cui far ascoltare il nostro messaggio ci rende capaci di giungere a più person in meno tempo possibile e con un investimento nel tempo nettamente inferiore a se ci dovessimo soffermare solamente su un canale di vendita. 

Ma comunicazione integrata significa anche sviluppare bene il nostro messaggio ed i nostri contenuti, partire quindi da un contenuto molto specifico e professionale per poterlo poi adattare ai vari supporti. Io ho un messaggio pubblicitario ma so che dovrò scriverlo e graficarlo in modo diverso a seconda della piattaforma in cui intendo utilizzarlo, e su twitter sarà diverso che su facebook.

Non facciamo inoltre lo sbaglio di pensare che una sola piattaforma (come facebook) sia necessaria e indispensabile perchè non è così e nonè neanche molto saggio dipendere da una sola piattaforma pubblicitaria lasciando ad essa tutta l'importanza della nostra attività perchè se qualcosa dovesse andare storto in quella piattaforma pubblicitaria allora perderemo tutto il nostro lavoro.

 

variegare la nostra pubblicità a supporto di un web contro i monopoli

Sia come aziende che come utenti dobbiamo alimentare la rete di ciò che l'ha sempre resa grande e democratica, la libertà di muoversi liberamente senza troppe regole.

monopolio

 

Il pericolo oggi su internet è dato dalla possibilità che certe piattaforme come Facebook o Google realizzino un monopolio eccessivo che fino a una decina di anni fa non esisteva. Cosa può accadere allora? Come sempre esamineremo la questione dal punto di vista del nostro negozio on line o del nostro sito internet, ancora oggi il nostro blog o il nostro sito rappresentano infatti l'espressione della massima libertà su internet.

Quando noi di Galatea Web abbiamo iniziato a sviluppare più di 10 anni fa internet era sostanzialmente uguale ad oggi anche se leggermente diversa, google non era il colosso di oggi e facebook non esisteva, sul web la facevano molto più da padroni i blog e i forum che avevano sicuramente alcuni svantaggi ma il grande vantaggio di essere totalmente liberi e fuori controllo.

Anche dal punto di vista pubblicitario era forse anzi era sicuramente molto più semplice da alcuni punti di vista rendersi visibili all'epoca o comunque la cosa era sottoposta a meno restrizioni e soprattutto costava poco o era quasi del tutto gratuita.

Oggi la visibilità sul web comincia a costare sempre di più e si piattaforme come facebook o motorti di ricerca come google avviare delle campagne comincia ad avere quasi i costi di una campagna pubblicitaria normale, il vecchio detto costa molto di meno il web che una distribuzione cartacea rischia di scomparire anche se è sicuramente di meno impatto ambientale la pubblicitò sul web. 

l'Incalzare quindi di alcune forme di monopolio come Facebook o Google non è solamente una minaccia alla libertà di espressione sul web (su facebook puoi essere bannato per la violazione di alcune norme internte dettate da facebook senza alcuna possibilit di decidere in merito e senza alcun preavviso, immaginate quando ad essere bannao è un account da cui vengono gestire campagne pubblicitarie) ma è anche una minaccia a quella semplicità nel rendersi visibile che ha fatto il successo di molte aziende sul web cominciando proprio paradossalmente da colossi come facebook o google.

Se da una parte una piattaforma come Facebook ha sfruttato la semplicità con cui nel web si diffondono le informazioni dall'altra è anche vero che adesso rischia di voler sopprimere quella falicità, ma come direte voi? 

Provate oggi a cercare di diffondere sul grande social network una pagina aziendale, se mandate messaggi privati venite bannati, se esagerate con i post pubblicitari venite segnalati e di conseguenza soggetti a varie sanzioni, tutto ti porta ada cquistare campagne a pagamento ( le cosìddette campagne pay for click), viene insomma accentuato il canale pubblictario a pagamento rispetto alla libera diffusione del marchio, scompare quindi gradualmente quello che è sempre stato un grande vantaggio del web ovvero il costo basso fino ad arrivare al punto in cui solamente le grosse aziende riusciranno ad effettuare campagne pubblicitarie efficaci.

Quindi? come difendersi da tutto questo? 

Non dobbiamo permettere a queste piattaforme di monopolizzarci, quando da utenti o da imprenditori che devono scegliere di fare pubblicità dobbiamo prendere delle scelte dobbiamo sempre optare per la varietà. Esiste Facebook ma anche Twitter, ma anche Instagram, Pinterest, Google Plus, le migliaia di piccoli e grandi blog e forum appartenenti a privati che ci forniscono servizi e informazioni di ottima qualità in cui inserire le nostre pubblicità. 

Dobbiamo sostanzialmente non dipendere eccessivamente da una singola piattaforma e sempre, prima di tutto, dobbiamo attraverso il nostro sito internet dipendere solamente dalla nostra piattaforma personale che è il nostro sito internet, il nostro negozio on line.

 

Un video youtube per il nostro sito internet nel dettaglio

Nel precedente articolo abbiamo parlato di come utilizzare youtube come ulteriore piattaforma pubblicitaria per il nostro sito internet, entriamo nel dettaglio e vediamo come fare un semplice video e di cosa parlare, consigli utili.

 youtubers

Mettere " la faccia " in ciò che si fa, nella propria attività, inserire dunque quell' ingrediente umano e visibile che possa dare una marcia in più al nostro sito internet diventa essenziale se si vuole iniziare un progetto web " diverso " dalla massa dei siti internet ed arrivare dritti al cuore dei nostri potenziali clienti.

E' ovviamente possibile rivolgersi ad un agenzia pubblicitaria se si vuole fare qualcosa di veramente professionale ai livelli qualitativi di un vero e proprio spot pubblicitario ma è anche vero che oggi può essere a volte più proficuo (e meno dispendioso) realizzare un video " artigianale " in cui noi come titolari del sito internet presentiamo in modo semplice e simpatico ai nostri utenti il nostro lavoro, il video sarà caricato su youtube e successivamente verrà anche incorporato nella home page del nostro sito internet che diventerà in questo modo multimediale a tutti gli effetti.

Dobbiamo prima di tutto capire se siamo capaci di parlare davanti alla web camera in modo naturale, dobbiamo infatti lasciar perdere qualsiasi forma di manipolazione e cercare di essere sinceri, quello di cui dovrete parlare è d'altronde il vostro lavoro, la vostra passione e non c'è modo migliore per farlo che far finta di parlare tranquillamente a degli amici come probabilmente vi capita giornalmente.

Vestitevi bene, curatevi, schiaritevi la voce e soprattutto andate a creare una scaletta degli argomenti che volete affrontare durante il video è infatti molto importante cercare di non fare delle lunghe pause durante il video e quindi produrre alla fine un discorso molto semplice, che tocca tutti gli argomenti e non scandito da inutili e noiose pause che possono annoiare l'utente.

La stanza in cui andrete a fare le riprese dev'essere ben illuminata in modo che il video non risulti essere troppo buio dando una britta sensazione, la luce non deve mancare.

Ci sono molti programmini scaricabili gratuitamente da internet che ci permettono prima di tutto di registrare il nostro desktop, quindi potreste ad esempiio far vedere il sito o altre cose su internet ai vostri utenti riprendendo il vostro monitor e poi con altri programmi gratuiti potrete montare i vari video costruendo un risultato finale interessante dove in alcune parti del video ci sarà la vostra persona, il vostro viso che parla ed in altre parti del video invece si vedrà quello che fate con il mouse, per iniziare se volete fare una cosa più semplice potete limitarvi a riprendervi con la webcam e parlare.

Se volete comune vi segnal un ottimo programma per riprendere lo schermo del nostro pc: ACTIVE PRESENTER

Adesso possiamo iniziare il nostro video. Alla fine dobbiamo salvare il video dal programma che stiamo usando per la registrazione che di solito è lo stesso programma che gestisce la webcam del nostro pc o la webcam esterna che abbiamo acquistato.

Il video deve adesso essere importato su youtube in modo da poterlo pubblicare e renderlo visibile a tutti, qui potete leggere una guida molto efficace che vi spiega come caricare i vostri video su youtube: APRI LA GUIDA QUI

Adesso che il nostro video è caricato su youtube il prossimo passo è quello di incorporarlo anche nella home page del nostro sito internet.

In questo modo oltre ad avere una presentazione azienale video presente su youtube gli utenti che giungeranno sul nostro sito internet dalle varie pubblicità che utilizziamo potranno non solo leggere ma anche guardare comodamente una simpatica presentazione dei nostri servizi e prodotti aumentando di gran lunga le nostre possibilità di acquisire nuovi utenti e potenziali clienti.

 

unirsi per fare più pubblicità

Avete mai pensato di unirvi ad altre aziende per fare insieme pi pubblicità? 

Associazionismo

 

E' tutta questione di pubblicità nel web, se fatta bene ma soprattutto se fatta tanta si possono ottenere veramente molti risultati. Ma come si fa a competere con le grosse aziende? semplice, bisogna associarsi. In che senso scusa? semplice, vi spiegheremo in questo articolo che significa diventare forti anche se si è piccoli.

Pensate ad una grossa catena di alberghi, ad una grande franchising di qualsiasi settore, come competere con entità così grosse? Semplice, associandosi. 

Immaginiamo 20 o 30 piccole attività della stessa città che si rivolgono ad un unica agenzia pubblicitaria e commissionano un portale in cui tutte le attività, appartenenti a differenti campi inseriscono una loro pagina con le loro offerte e la loro pubblicità.

Un piccolo portale cittadino, dedicato alla propria città, che ti offre ogni genere di attività e che sia sponsorizzato esclusivamente da un certo numero di aziende. Nel portale trovi dal bed and breakfast al ristorante. 

Però succede una cosa molto importante, mentre il piccolo bed and breakfast o il ristorante difficilmente andranno a spendere 20.000 euro di pubblicità on line per pubblicizzarsi, 20 attività tutte insieme, spendendo 1000,00 euro a testa riusciranno a lanciare un incredibile campagna pubblicitaria di cui beneficeranno tutte quante. 

Associarsi in questo caso è l'idea giusta per pubblicizzarsi al massimo.

In questo modo si possono fare campagna su facebook o su google impensabili fino a quel momento da soli.

Youtube, come usarlo per potenziare il proprio sito internet

Nel migliorare i contenuti del proprio sito internet per renderlo sempre più interessante Youtube rappresenta una grande opportunità, ma esploriamo insieme questa piattaforma e cerchiamo di capire come funziona e soprattutto come usarla insieme al nostro sito internet.

youtube 360 degree italia video

La nostra è l'epoca delle immagini video, della televisione, le persone sono molto più attente a un video piuttosto che ad un articolo, guardare un video è molto più semplice e meno stancante e qualsiasi messaggio arriva ovviamente in maniera più diretta ed efficace ai nostri potenziali clienti, fino a qualche anno fa era impensabile per una piccola e media azienda concepire questo tipo di pubblicità senza affrontare costi altissimi, oggi grazie a youtube chiunque può trasformare il suo sito internet in qualcosa di molto potente collegandol oad un canale youtube, vediamo come funziona.

Cosa ci serve prima di iniziare? 

Una webcam abbastanza potente che sia appena ad un livello superiore alla cam integrata nei nostri portatili può essere acquistata a prezzi che vanno dai 200,00 ai 300,00 euro e ci da la possibilità di effettuare dei video veramente di alta qualità che non hanno nulla da invidiare alla qualità televisiva a cui siamo abituati.

Di cosa vogliamo parlare? possiamo limitarci a spiegare alle persone quello che già è scritto sul nostro sito facendo ad esempio un video di presentazione da mettere nella home page del sito (vedremo più avanti come creare un canale).

Un account youtube che possiamo aprire gratuitamente su youtube.com (da cui possiamo accedere anche con la nostra mail gmail se ne abbiamo una).

Cos'è esattamente youtube? 

E' una piattaforma di proprietà di GOOGLE, ed infatti si potrebbe considerare un motore di ricerca esattamente come google solo che i risultati mostrano dei video invece che dei siti internet, su youtube si possono caricare video personali gratuitamente su cui si inseriscono dei TAG o parole chiave che serviranno per rendere i video ricercabili dagli utenti per quelle parole chiave, inoltre i video che carichiamo su youtube possono essere incorporati nel nostro sito internet, su facebook e su altri supporti, in questo modo i nostri video possono essere diffusi dappertutto. 

Cos'è un canale youtube?

Se invece che un singolo video vogliamo creare su youtube più video che parlano dello stesso argomento o di argomenti differenti ma che siano tutti prodotti da noi allora youtube ci da la possibilità di aprire sempre gratuitamente il nostro canale che alla stregua dei canali televisivi sarà visionabile dagli utenti che potranno seguire tutti i nostri video da quelli più vecchi a quelli più recenti.

Come usare youtube nella pratica del nostro sito internet? 

Poniamo l'esempio di possedere un e - commerce che vende dipinti artigianali, vogliamo potenziare il nostro e commerce attraverso dei video periodici (per esempio uno a settimana) in cui raccontiamo il nostro lavoro, come dipingiamo, la storia delle nostre opere, quello che significano per noi, possiamo allora aprire un canale youtube che abbia lo stesso nome del sito. 

Nei nostri video aggiorneremo i nostri utenti sul nostro lavoro e sempre nel nostro canale inseriremo il link al nostro sito interent così chi è interessato oltre a guardare il nostro video potrà anche andare sul nostro sito internet per acquistare un nostro prodotto. 

Ecco che in questo modo ci evolveremo creando un sistema di comunicazione che integra al sito internet anche la parte visiva.

Registrare un video, come farlo bene, come pubblicarlo, sarà oggetto del prossimo articolo. Restate sintonizzati sul blog di Galatea! 

 

 

Facebook, come avere una vetrina nel centro commerciale di qualcun altro

l'enorme sviluppo dei social network di questi ultimi periodi non ha dminuito l'importanza di avere un proprio sito internet ma anzi ha aumentato gli strumenti che possiamo utilizzare per sponsorizzarlo.

centrocommerciale

 

Abbiamo molto spesso parlato in questo blog della necessità di craeare un proprio sito internet senza affidare l'intera propria pubblicità a piattaforme come facebook ma limitarsi ad utilizzarle, anzi sfruttarle per pubblicizzare il proprio sito internet.

l' Esempio che vi porteremo oggi per meglio farvi comprendere questa necessità è il concetto di proprio negozio e quello di avere una propria bancarella all'interno di un centro commerciale.

Se volete rimanere esclusivamente all' interno di un centro commerciale con una bancarella anche se probabilmente anzi sicuramente riceverete il beneficio di usufruire di parte del flusso di clientela del centro commerciale è anche vero che riceverete dal cliente il rispetto che di solito si accorda ad una bancarella.

Se ad utilizzare la bancarella in un centro commerciale è la Nike il discorso è leggermente diverso, come è diverso se oltre ad avere la bancarella potete anche contare su un vostro punto vendita.

In questo caso quello che noi chiamiamo bancarella nel centro commerciale equivale alla pagina facebook, la pagina è la bancarella e il centro commerciale è facebook. 

Quello che noi vi stiamo dicendo è che non è sbagliato avere la bancarella purchè si abbia comunque un negozio.

Sviluppare un sito internet personale aziendale è importante come è importante poter dettare le proprie regole a casa propria. 

Galatea Web vi offre la possibilità di avere il vostro negozio e di curare bene anche la vostra bancarella.

La pagina su Facebook, l' Account su Twitter, su Pinterest, Instagram, non sono da considerarsi strumenti assoluti ma strumenti utili da utilizzare tutti insieme per potenziare quello che è il nostro strumento base, il nostro sito internet.

Un altra cosa interessante da capire è che l'esistenza oggi della pagina facebook non cancella la necessità di avere un sito internet anzi, i nostri concorrenti utilizzernno facebook per rendere ancora più visibile il proprio sito internet e noi non potremo competere con tutto questo se non abbiamo anche noi un sito web.

A prescindere quindi che vogliamo avere un semplice sito di visibilità aziendale oppure un sofisticato E - Commerce è necessario avere una casa da cui partire per costruire il nostro business on line.

 

 

 

 

si può vendere on line senza investire in pubblicità? Un modo di pensare tutto Italiano.

Molte persone commissionano siti internet senza investire poi sulla loro pubblicità e diffusione.

steve jobs

No, un sito internet non può assolutamente produrre alcun risultato senza investimento pubblicitario e quando parliamo di nessun risultato parliamo proprio di zero. Molte persone mettono on line il proprio sito internet senza neanche pensare di investire dei soldi ed anzi molto indispettite solo al pensiero di poterlo fare perchè hanno già investito nella realizzazione del sito e dopo si aspettano magicamente che qusto cominci a funzionare. Per investimento pubblicitario non intendo spendere 100 o 200 euro in una pubblicità pay for click soltanto per una volta, questo non lo si può considerare investimento pubblicitario.

Il risultato che può ottenere un sito su cui non viene investito nulla è zero. E' assurdo anche solo pensare di avere delle possibilità di successo senza investire nulla in un settore (quello pubblicitario) dove il risultato è direttamente proporzionale all'investimento.

Il problema è prima di tutto culturale e cioè in Italia solamene le grandi aziende affrontano la questione pubblicitaria nel modo corretto, nelle medie e piccole aziende vi è la convinzione (errata) che la pubblicità è una spesa e non un investimento e questo persino anche quando produce risultati.

Non c'è ne voglia ne volontà di investire, di pazientare e di dare possibilità al comparto pubblicitario di crescere e svilupparsi. Si pensa alla pubblicità come a qualcosa che deve instantaneamente e con poche risorse dare dei risultati, la cosa è ovviamente il più delle volte impossibile.

Un altro ostacolo da superare, oltre a quello culturale, è quello della scarsita di operatori pubblicitari che sappiano cosa devono fare ed il più delle volte ad offrire soluzioni pubblicitarie non sono aziende qualificate ma singoli web master, grafici, in genere persone che pur se competeneti nel singolo loro campo non riescono ad avere una visione più grande della strategia pubblictaria da approntare.

La pubblicità per il proprio sito internet ha bisogno di fondi per funzionare, ci possono essere tentativi iniziali che non produrranno molti risutalti perchè è necessario capire anche sbagliando cosa funziona e cosa non funziona con uno specifico progetto. 

E' impossibile capire quanto si debba investire per "riuscire" anche perchè gli obbiettivi possono variare di volta in volta e vanno dal realizzare le prime vendite tramite un e commerce, al diffonderlo tra una determinata fascia di persone, a tante altre cose.

Per prima cosa è bene che l'imprenditore ricominci a valutare diversamente la pubblicità sul web dandogli la giusta importanza che merita sia a livello di investimenti che di tempo ed energia.

 

 

Il cliente che ti chiede il sito come quello li

A quanti sviluppatori di siti internet è capitato? " Voglio il sito come quello li", l'inizio di un fallimento pubblicitario.

scuola copiare 430

 

Cosa c'è di peggio del cliente che si crede un grafico pubblicitario, un esperto in marketing e un programmatore? Nonchè ovviamente detentore del miglior gusto grafico in circolazione. Bhe il cliente copione, ovvero quello che ci chiede di sviluppare il proprio sito internet copiando alla lettera il sito di un concorrente.

Tutto questo blog è incentrato sul concetto di originalità, sul mercato si può sopravvivere scopiazzando gli altri, ma per emergere bisogna avere il coraggio di essere diversi ed originali o almeno tentare di trovare le soluzioni più opportune per se stessi.

Quanto scritto sopra non ha un valore esclusivamente morale (è brutto copiare, sempre) ma un valore prettamente pratico che ogni cliente affacciandosi al mondo della pubblicità on line dovrebbe capire. E' già molto difficile far funzionare un sito internet fatto su misura per le proprie esigenze, costruito intorno alle necessità dell'azienda e del modo in cui opera, figuriamoci cercare di avere dei risultati copiano il progetto di comunicazione di qualcun altro che probabilmente con noi non ci azzecca niente.

Ma è difficile superare il pregiudizio del cliente medio Italiano il quale infatti è quello che mediamente in Europa e nel mondo ottiene minori risultati spendendo persino di più degli altri. In America il cliente si affida ad un agenzia pubblicitaria e stop, sarà l'agenzia a costruire il marchio e la comunicazione, al cliente potrà piacere o meno ma saranno solamentei risultati alla fine a parlare.

In Italia no, siamo circondati (e non lo sapevamo) da esperti grafici, sviluppatori mai visti prima che sono convintissimi di sapere come far funzionare un e commerce, persona incredibilmente convinte che se per fare il medico o l'avvocato ci vuole una laurea invece per costruire l'immagine aziendale e sviluppare pubblicità vincenti per un azienda nonchè strategie di marketing occorere solamente tanta voglia di credici e un incrollabile fede in se stessi. 

Peccato, peccato che purtroppo non sia così.

Peccato che di solito il cliente che commette questo peccato di superbia finisca sempre con il " culo " per terra e tanta voglia di tornare a farsi seguire seriamente da dei professionisti.

 

Come riconoscere un sito internet di qualità?

Hai un sito internet ma al di la della grafica come riconoscere se è un sito di qualità? 

STC Qualita

 

Molte aziende possiedono già un sito internet, ma siete sicuri che il vostro sito è stato fatto secondo i criteri di qualità di oggi? Esaminiamo insieme gli aspetti più importanti che un sito internet oggi deve assolutament possedere per essere funzionale ai nostri scopi. 

Faremo un breve cenno alla grafica perchè questa dipende principalmente dal gusto del cliente e dello sviluppatore che hanno concorso alla sua realizzazione e non di meno ai colori, ai loghi e all'identity aziendale già eventualment esistente. Inoltre, la grafica non è un elemento focale nel raggiungimento degli obbiettivi di un sito internet. Con questo non voglio dire che la grafica sia inutile anzi, ma che nel web ha un valore nettamente inferiore a quello che può avere su altri supporti come il cartaceo. 

Ci limiteremo a dire che una grafica curata, semplice e non invadente è la soluzione migliore per ogni sito internet. 

I titoli delle pagine che non sono i titoli delle pagine in se dentro i vari articoli ma i titoli che appaiono nelle schede del nostro browser (internet explorer, google chrome, eccetera) sono fondamentali per indicare ai motori di ricerca in modo specifico di cosa sta parlando la pagina del nostro sito internet, è per questo che un sito internet in cui i titoli delle varie pagine non rispecchiano esattamente quello di cui parla la pagina stessa è un sito internet che sarà considerato dai motori come google di scarsa qualità o comunque non indicizzato nel modo corretto.

La velocità di apertura del sito ed in generale la velocità con cui si può scrollare all'interno del sito stesso o cambiare pagina senza che si debba aspettare troppo tempo, questo fattore importantissimo perchè nessun navigatore resisterà a lungo su un sito in cui ci vogliono 5 minuti per cambiare ogni pagina o per fare qualsias altra cosa viene anche reputato un fattore importante dai motori di ricerca a livello di posizionamento del sito stesso. 

La semplicità di utilizzo con l'avvento degli smartphone e di una grandissima fetta di utenza che prima non navigava ma che rimane poco esperta di computer ed internet è diventato un altro grandissimo fattore di qualità di un sito internet, è importante che tutto ciò che si può fare sul sito internet stesso si possa fare in modo veloce e intuitivo.

I contenuti ben strutturati nei menù, ovvero un sito internet di qualità possiede una buona suddivsione gerarchica dei contenuti attraverso vari menù e sotto menù di facile ed intuitivo accesso che ordinano le informazioni statiche del sito in modo ordinato e facilmente consultabile.

Un codice pulito e quindi un codice di programmazione ripulito da qualsiasi codice in eccesso e non utilizzato, questo rende il sito snello, veloce e minimizza i motivi di malfunzionamento.

l'Adattamento ad ogni formato è oggi un altro fattore qualitativo importante, un sito deve ormai vedersi bene su telefonino, tablet e pc, adattandosi senza estensioni esterne che facciano questo lavoro, dev'essere semplicemente dotato di template elastici e adattivi, la concezione del sito stesso e del dispiegamento dei suoi contenuti dev'essere pensata ormai in verticale.

Quelli descritti sopra sono i 6 principali punti qualitativi di un moderno sito internet, sono ovviamente moltissimi gli altri valori da considerare, ma se volete effettuare un rapido controllo del vostro sito sarà valutando i punti sopra che potrete subito sapere se il sito ha un livello qualitativo elevato oppure no.

 

 

 

 

Hai un negozio? Con Galatea Power conquisti la tua città investendo 499 euro

Hai un negozio? Ecco come il servizio Galatea Power ti aiuta a conquistare la tua città con 499 euro.

citta clima

 

Il servizio Galatea Power territoriale è stato studiato apposta per chi ha un negozio in un quartiere di una grande città o in paese e vuole prevalere sulla sua concorrenza, spieghiamo bene in cosa consiste il servizio e come ci può aiutare nel conquistare il nostro mercato cittadino.

Prima di tutto Galatea Web non può per suo regolamento interno attivare un Galatea Power ad un vostro concorrente nella vostra stessa zona se voi avete attivo il servizio dato che non può lavorare per due diretti concorrenti (o ne aiuta uno o l'altro).

Attivato il servizio Galatea Web comincerà prima di tutto a sviluppare il vostro sito, entro 7 giorni lavorativi, avrete un sito totalmente adattabile a pc, tablet e telefonini.

Una volta pubblicato il sito internet che conterrà promozioni, offerte ed iniziative decise dai nostri consulenti insieme ai tuoi consigli, inizieremo a pubblicare gli annunci a pagamento su facebook colpendo proprio gli abitanti della tua zona e del tuo quartiere (programmando gli annunci con un raggio di metri a circonferenza intorno alla tua attività) in modo da non sprecare budget pubblicitario e cominciare a colpire i tuoi potenziali clienti.

Adesso hai il sito e una pubblicità specifica su Facebook programmata da professionisti del settore pubblicitario. Cosa manca? 

Il sito adesso deve entrare in contatto fisico con le persone attraverso il cartaceo, a circa 10 giorni dall'inizio del servizio Galatea Power vi arriveranno in negozio le tessere Galatea Web che vengono regalate ai clienti fornendo loro i codici di accesso per accedere nel loro account sul vostro sito internet, dove potranno controllare le offerte riservate a loro, ottenere sconti e promozioni e se vogliono, prenotare o acquistare prodotti che avete in negozio (o servizi). 

All' interno della vostra scrivania virtuale inizierete a ricevere le notifiche e gli avvisi dei nostri consulenti con consigli e obbiettivi da far raggiungere alla tua attività.

Potrai anche accedere alla tua scrivania virtuale e chiedere consigli, modifiche, consulenze, pareri per gestire insieme a noi tutta la tua pubblicità.

Il Galatea Power è un servizio innovativo che ti porta ad ottenere grandi risultati in poco tempo ed è mirato a chi vuole conquistare il proprio mercato locale.

 

come offrire prodotti digitali pronti al download nel vostro sito internet

Se negli ultimi anni grazie a piattaforme come e-bay e amazon ed alla diffusione generale dell'ecommerce si è molto diffusa la vendita di prodotti reali attraverso il web restano i servizi digitali i più adatti alla vendita attraverso il web.

tvsocial

 

Offrire prodotti digitali sul proprio sito internet significa aumentare enormemente la capacità della nostra azienda di espandere il proprio mercato. La possibilità di effettuare un pagamento sul sito per poi scaricare un prodotto digitale, che può essere un supporto ai nostri prodotti o servizi, materiale di avanzamento di un corso, qualsiasi tipo di approfondimento o informativa tecnica aggiuntiva, attraverso la creazione di contenuti digitali a pagamento e la loro successiva diffusione nel nostro sito internet aumentiamo la possibilità della nostra azienda di trarre profitto dalla vendita on line e non solo.

All' interno di un sito internet come il Galatea Power la vendita di prodotti digitali può essere organizzata in molti modi. 

Il pagamento attraverso carta di credito può consentire all'utente di poter procedere immediatamente al download dei contenuti che potranno essere scaricati sul proprio PC garantendo contemporaneamente diversi livelli di accesso, da quel momento l'utente potrà accedere al sito per effettuare numerose azioni aggiuntive non concesse all'utente normale.

Potrà scaricare nuovamente il contenuto digitale acquistato entro un certo periodo di tempo se dovesse inavvertitamente cancellarlo, potrà chiedere assistenza e visitare aree del sito internet che potranno essere viste solamente dagli utenti autorizzati e che hanno effettuato almeno un pagamento all'interno del sito internet.

I vantaggi di offrire un prodotto digitale sono quelli di rendere instantanea ed automatica la vendita e il successivo possesso del bene ceduto al cliente che potrà immediatamente scaricarlo effettuando un download. Questo automatizza l'intero processo di vendita causando come primo vantaggio un grande risparmio e così che tutte le energie dell'azienda devono a questo punto essere rivolti verso la produzione di suddetti contenuti digitali. 

E' vero infatti che un azienda capace di vendere contenuti digitali è un azienda che ha già precedentemente potenziato la propria capacità produttiva aumentandone di gran lunga la qualità rispetto ai competitor oppure appartiene ad un settore in cui la produzione di contenuti digitali è parte integrante dei prodotti e servizi venduti. 

Quanto è complesso fare un sito internet per la vendita on line?

Spezziamo una lancia a favore degli sviluppatori di siti internet mirati alla vendita on line, è sempre difficile farne uno, vediamo perchè.

meccanismo

 

E' difficile sviluppare un e commerce? Si certo, è difficile. Rispetto ad un sito internet rivolto esclusivamente alla condivisione di informazioni o ad altre funzionalità l' e commerce include un operazione molto delicata che si richiede all' utente, ovvero il pagamento. 

Il fattore vendita quindi già difficile di per se si introduce nel sito internet ampiamente amplificato rispetto la vendita tradizionale perchè se è vero che ormai la vendita on line è diffusa è anche vero che è molto più difficile convincere qualcuno a comprare qualcosa senza la presenza fisica e la possibilità di comunicare dal vivo.

Per un buon sviluppatore però quello che potrebbe essere un punto a sfavore potrebbe diventare un punto di forza soprattutto in tutti quei campi e settori in cui l'utente preferiscce addirittura alla vendita classica la vendita on line.

Paradossalmente il maggior punto di difficoltà per ogni sviluppatore nella creazione di un e commerce è proprio il cliente che commissiona il lavoro questo perchè purtroppo ogni cliente ritiene di poter intervenire nello sviluppo del proprio sito fornendo indicazioni utili su come e cosa fare, sfortunatament però nella stragrande maggioranza dei casi questa cosa non funziona.

Perchè?

Semplice, mentre il cliente utilizza per lo più il punto di vista personale di utente specifico lo sviluppatore ha imparato negli anni di esperienza maturati a capire un pò come funziona la vendita on line in generale capendo soprattutto cosa funziona e cosa no, quali particolari sono trascurabili (e quindi dove non c'è bisogno di perdere tempo) e quali invece vanno curati perchè attraverso lo sviluppo di decine di e commerce è anche venuto a contatto con decine di migliaia di acquisrenti monitorandone e sondandone il comportamento.

Oltre al problema cliente che spesso interviene troppo invasivamente nel proprio progetto a causa di una comprensibile ansia di successo esistono poi le ormai infinite varianti tecniche che sono sopraggiunte in questi anni. Mentre una volta infatti si poteva costruire un sito pensando solamente alla visualizzione sul proprio PC dando per scontato che sarebbe stato uguale per tutti oggi l'incredibile diversità di dispositivi pone lo sviluppatore di fronte alla necessità di dover configurare la stessa piattafrma - sito per innumerevoli supporti e browser.

Quano scritto sopra si deve aggiungere a numerosi altri fattori, spesso ci si trova davanti a prodotti difficili da sistemare all'interno di un sito internet, oppure davanti ad aziende dai contenuti già di per se carenti e con lacune storiche aziendali che vanno in ogni caso colmate raddoppiando il lavoro dell'agenzia.

Ogni progetto è diverso ed è una sfida a se stante davanti a cui lo sviluppatore si trova nella necessità di trovare ogni volta nuove soluzioni. 

 

unire sito internet e tessera del negozio per fidelizzare i nostri clienti

A volte il nostro sito internet o negozio on line può diventare lo strumento per legare i nostri clienti alla nostra attività aumentandone fiducia e frequenza di acquisto.

carte cobranded 

 

Come utilizzare il nostro sito internet per potenziare la clientela che ci viene a trovare in negozio? Altre volte abbiamo parlato di come utilizzare il nostro sito internet come rafforzativo più che come mezzo di ulteriore espansione e oggi faremo un esempio pratico.

Immaginiamo di stampare delle CARD in cui i nostri clienti hanno un username e una password che consentono loro di accedere al nostro sito internet aziendale in un area a loro dedicata e assolutamente univoca e rivolta a loro.

In quest'area il nostro cliente potrà vedere tutti gli ordini e gli acquisti fatti nel tempo, gli sconti eventualmente a lui dedicati, le offerte personalizzate che possiamo costruire direttamente ed esclusivamente per lui con le relative scadenze, qualsiasi tipo di comunicazione diretta al singolo cliente e le comunicazioni dedicate dirette a tutti. 

Potremmo anche inserire degli sconti in vari prodotti se prenotati o acquistati direttamente tramite il sito internet. 

Ecco che pensandoci bene ci appaiono davanti centinaia di possibili funzionalità che l'area cliente connessa alla carta ci può fornire, ma questo esattamente a cosa ci conduce?

Il cliente potrà essere continuamente informato sui nuovi arrivi e su le eventuali offerte commerciali, ma non solo, il poter gestire una propria area cliente gli consentirà di connettersi maggiormente alla nostra attività rendendo meno probabile che si possa rivolgere a i nostri competitor.

Tutto questo è davvero meraviglioso ma secondo me la carta clienti offre un vantaggio importante tra tutti gli altri e cioè quello di costruire offerte promozionali su misura per il singolo cliente studiandone le abitudini. Il nuovo cliente, il vecchio cliente che sappiamo prendere sempre lo stesso prodotto e quindi probabilmente sarà più invogliato a sconti e promozioni rivolti a quel particolare prodotto, con il vantaggio per noi e per il cliente di poter verificare le promozioni on line sul sito internet e quelle specificamente costruite apposta per lui, alla fine si possono fare delle statistiche magari trimestrali per vedere cosa sta funzionando e cosa non sta funzionando a livello marketing e migliorare sempre di più le proposte costruite per i nostri clienti.

Insomma la carta collega il nostro cliente al nostro sito internet che a sua volta è collegato alla nostra attività potenziandola e rendendola più efficace. 

Quanto spiegato sopra si potrebbe fare anche senza l'uso effettivo delle carte invitando semplicemente i clienti a registrarsi nel sito internet o facendolo noi per loro per poi comunicargli gli accessi ma la carta consegnata a mano al cliente ha sicuramente un impatto diverso rendendo l'intera operazione molto più efficace.